Basket B/F: Ad Maiora, Palagiano ‘Nostro gioco è determinazione, difesa, collaborazione’

BASKET
25.04.2021 23:16

(Di Ilaria Petruzzi) Splende ancora l’Ad Maiora Basket Taranto in un Palamazzolaimmerso nel silenzio assordante. Al Catanzaro per la rimonta non bastano degli sprint di tanto in tanto nella partita. Dal primo quarto le padrone di casa prendono il largo e mettono il sigillo rossoblu sull’incontro, conclusosi 68-47. Le ragazze di coach Palagiano trovano la propria forza nella coesione del gruppo e regalano la terza gioia consecutiva ai propri tifosi e al proprio capitano Debora Palmisano, da qualche tempo costretta al riposo per via di un infortunio. Pesava anche l’assenza di Ciminelli, anche lei infortunata. Le rossoblu, mai messe davvero in discussione durante il match, spinte da un’intesa speciale, hanno raccolto anche questi due punti fondamentali per la classifica. Terzo posto consolidato. Prossimo incontro mercoledì 28 aprile ore 20 al Palamazzola. Ospite la capolista Salerno, fino ad ora imbattuta. Terza partita consecutiva in una settimana. La squadra sembra aver reagito abbastanza bene. “Sì, ha reagito abbastanza bene. È un gruppo di ragazze che hanno lo stesso obiettivo: aiutarsi in campo. Sapevano benissimo che sarebbero state assenti Palmisano e Ciminelli e si sono unite ancora di più, dando qualcosa in più tutte quante. La partita poteva essere messa dalla nostra parte solo grazie alla nostra determinazione e alla nostra voglia di difendere e di passarci la palla. Queste caratteristiche stanno pian piano emergendo, cominciando ad essere predominanti nel nostro gioco e hanno fatto sì che la partita fosse già dal primo quarto dalla nostra parte. Nel secondo e nel terzo quarto si è avvertita un po’ di stanchezza. Abbiamo retto bene e ci siamo portati a casa un risultato, che sembrava facile sulla carta, ma sapevamo che Catanzaro fosse una squadra intraprendente e frizzante. Di certo non l’avversario più adeguato da affrontare al momento, visti i nostri acciacchi fisici che si stanno prolungando nel tempo. È andata come volevamo”. In vista delle prossime sfide miglioreresti ancora qualcosa nella squadra? “Io vorrei soltanto la squadra al completo. La caratteristica peculiare di questo gruppo, e anche di quello dello scorso anno, è la capacità di migliorare durante l’anno. A febbraio, al ritorno in campo, abbiamo ripreso i concetti già affrontati ad ottobre e siamo ripartiti bene, andando sempre più in crescendo. Tranne la partita di andata contro Catanzaro io non ho mai avuto tutto il roster a disposizione. Vorrei giocare tutte le gare come fanno le altre squadre, ovvero con il team al completo. Anche Catanzaro sabato aveva tutte le giocatrici presenti. L’unica squadra che abbiamo incontrato nelle nostre stesse condizioni è stata Corato. Abbiamo avuto delle partite in casa e siamo stati bravi a vincerle. Adesso il calendario diventa molto più difficile perché avremo tante trasferte fino alla fine della stagione. In casa giocheremo contro le tre regine del campionato: Salerno, Battipaglia e Capri. Spero di recuperare tutte le ragazze per divertirci insieme e capire, al cospetto di squadre più attrezzate, fin dove possiamo arrivare quest’anno”. L’assenza di qualche ragazza chiaramente condiziona il risultato delle partite… “Sicuramente ci sono degli scompensi. Chi sta entrando dalla panchina sta dando un grande contributo e io sono contento di tutte le mie ragazze per ciò che stanno facendo. Chiaramente siamo una squadra diversa rispetto alla prima di campionato”. Dopo questa settimana intensa arriva Salerno mercoledì. Che Ad Maiora speri di vedere e che partita ci dobbiamo aspettare? “Sono curioso anch’io di vedere la partita perché ritengo che Salerno sia la squadra che gioca meglio con noi. Ha, rispetto a noi, un roster molto più profondo. Nove giocatrici molto importanti, due l’anno scorso giocavano in serie A. Un gruppo sicuramente costruito per il salto di categoria. La scorsa stagione la stessa Salerno e Scafati erano state costruite per vincere e noi comunque le abbiamo battute. Faremo di tutto per vincere, anche se fisicamente non siamo al massimo della condizione. Sono convinto che le ragazze che scenderanno in campo daranno il massimo per portare a casa un risultato positivo, nonostante sulla carta partiremo da sfavoriti. Il discorso sulle assenze non è un modo per buttarsi avanti. Ne prendiamo atto, ma non ho dubbi che chi entrerà in campo onorerà fino alla fine l’impegno. È ciò che pretendo ad ogni allenamento. La voglia, la determinazione, la grinta e l’agonismo colmano la minore esperienza della squadra rispetto alla scorsa stagione. Inoltre, ci tengo ad aggiungere che condivido ciò che hai detto nel post su Facebook: il Cras ha scritto la storia, però adesso c’è l’Ad Maiora che sta cominciando a scrivere la sua. In quattro anni abbiamo vinto un campionato di serie C su due, l’anno scorso siamo arrivati ai playoff per l’A2, quest’anno stiamo ripetendo quanto fatto la scorsa stagione. La società si sta impegnando tanto per riportare il nome di Taranto ai vertici. Sono fiducioso che l’Ad Maiora raggiungerà tutti gli obiettivi che si porrà di anno in anno”.

Commenti

Basket B/F: Ad Maiora Taranto, Armenti ‘La vetta è il nostro obiettivo’
Gravina: De Candia, ‘Questa impresa è merito dei ragazzi’ - Video