Giovanili

Giovani Cryos: Tedeschi, ‘Mi manca l’abbraccio dei miei atleti’

Il formatore degli Esordienti 2007 e Pulcini 2009 del sodalizio biancoverde: ‘I bambini stanno rispondendo alla grande inviando video bellissimi e anche divertenti’

Comunicato stampa
03.04.2020 18:59

Continua lo stop, forzato ma comunque proficuo, dell'Asd Giovani Cryos, alla luce dell'ormai nota emergenza legata al Covid - 19. Proficuo perché il sodalizio del presidente Giuseppe Lafratta non ha mai smesso di stare vicino ai propri atleti, attraverso uno smart working mirato ed applicato perfettamente a tutte le categorie della scuola calcio e dell'agonistica. Tra i tecnici biancoverdi c'è il formatore degli Esordienti 2007 e Pulcini 2009 Michele Tedeschi: "A livello personale mi sforzo di vivere questa situazione serenamente: caratterialmente sono uno che non si lascia prendere dal panico, tuttavia la mia famiglia è in prima linea, ho in casa due infermieri che lavorano in una struttura sanitaria locale, io lavoro in un'azienda che offre servizi di prima necessità e quindi alterno smart working a casa e sportello al pubblico in ufficio e poi c'è anche mia figlia che continua a seguire on line le lezioni universitarie. Come disse il grande De Filippo 'Adda passa a nuttat'". "Mi manca moltissimo il rapporto con i miei piccoli 46 allievi - sottolinea Tedeschi - mi manca il loro sorriso che mi accoglie all'arrivo al centro sportivo e immediatamente spazza via le i problemi e le tensioni di una intera giornata di lavoro... ma mancano anche le loro proteste, marachelle, lamentele, le loro espressioni. Comunque c'è sempre l'occasione per scambiare qualche video o messaggio vocale coi bambini attraverso i gruppi che abbiamo coi genitori delle varie squadre". Sul grande successo ottenuto dallo smart working organizzato dalla società: "Il nostro presidente è sempre avanti, studia sempre insieme ai più stretti collaboratori novità per migliorare la qualità del servizio che la Cryos mette a disposizione dei nostri bambini e le rispettive famiglie, così come Fabio De Vita cura in maniera costante e aggiornata tutti gli aspetti tecnici mettendoci in condizione di lavorare al meglio. Non è un caso che la Cryos si sia ritagliata una posizione di primo piano nel panorama calcistico giovanile pugliese. Lo smart working è solo l'ultimo di tanti esempi e i bambini stanno rispondendo alla grande inviando video bellissimi e anche divertenti". "In attesa dei veri abbracci sul campo - conclude mister Tedeschi - invio un grande abbraccio virtuale a tutti i bambini della nostra scuola calcio e all'intero staff Cryos e, in particolar modo, anche ai genitori che in linea coi programmi societari hanno fatto sempre la loro parte con pazienza e disponibilità".

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Diavoli Rossi: Bomber Ventimiglia, ‘Mi manca troppo il campo...’