CRONACA

ArcelorMittal: Passo in avanti, lunedì tavolo tecnico al Mise

Dichiarazione del Segretario Nazionale Fim Cisl Valerio D’Alò

Comunicato stampa
24.09.2020 01:16


Si è tenuto oggi al Mise l’incontro tra il Ministro Stefano Patuanelli e le delegazioni sindacali sulla vertenza Arcelor Mittal. Entro la prossima settimana il Ministro prevede che si arrivi alla definizione dell’assetto societario facendo chiarezza sul percorso da intraprendere. Dalle analisi risulta necessari al sito di Taranto un investimento pari a 3 miliardi di euro per cui sarà fondamentale attingere ai fondi europei. L’amministrazione straordinaria è attualmente la proprietaria dello stabilimento e, nonostante sussista il problema documentale dello stato degli impianti, i commissari garantiscono che saranno mantenuti gli accordi presi con l’affittuario. Apprezziamo che il Ministero ci abbia convocati in breve tempo. Peccato sia avvenuto solo dopo che un gruppo di lavoratori esasperati ieri ha bloccato una strada statale. Questo dimostra che una partita così complicata non puó continuare a essere gestita tra silenzi ed emergenza. Dal 2008 i lavoratori vivono di ammortizzatori sociali, (esempio, impianti, come i tubifici, fermati e mai ripartiti) per cui il governo deve far chiarezza su quale idea abbia dello stabilimento, se si tratta di aria a caldo, cicli ibridi o idrogeno come dichiarato da vari esponenti del governo nelle scorse settimane. Ci ritroviamo nella condizione che avevamo prima dell’arrivo di Arcelor Mittal soprattutto rispetto al tema della sicurezza e che denunciavano da anni. Abbiamo la sensazione che quello che diciamo alle istituzioni non sia quindi una novità. Realisticamente il rallentamento della produzione non è dovuta solo all’emergenza coronavirus ma a una precisa volontà aziendale di preferire la Cassa Integrazione alla produzione. Bisogna essere chiari con lavoratori e cittadini sul futuro dello stabilimento dove la situazione non è più sostenibile. Dal prossimo mese saranno avviati tavoli tecnici e di confronto anche con altri ministeri coinvolti che nei prossimi giorni verranno calendarizzati. Già dal prossimo lunedì sarà avviato un tavolo tecnico al Mise per discutere della sutuazione manutentiva degli stabilimenti di tutto il Gruppo. Il governo è in contatto con l’azienda perchè sia garantita l’attività ispettiva da parte dei commissari e siano garantite le manutenzioni occorrenti all’interno dello stabilimento. Consideriamo questo un primo passo che rompe l’assordante silenzio riscontrato fino ad oggi e che pone le basi perció che da tempo chiedevamo: l’avvio di una vera trattativa.

1°CatPuglia: Mesagne, firma un centrocampista ex Brindisi e Sava
EccPuglia: colpo in difesa per l’Ostuni, arriva un ex Serie C e D