Promozione

Grottaglie: I biancoazzurri perdono il derby con il Ginosa

Cosimo Vestita
05.01.2020 22:10

Il Grottaglie si ferma dopo sette risultati utili consecutivi. Di fatto comincia male il nuovo anno per gli uomini di Alfredo Paradisi che perdono, nel derby, con i cugini del Ginosa per 2-1 davanti al proprio pubblico. Giornata caratterizzata dai tanti ex, come Camassa, Carlucci e Cirrottola.  La cronaca: Al 1’ partono subito forte i padroni di casa, con Napolitano che prova un tiro da fuori area, che viene deviato in angolo. Dal seguente calcio d’angolo nasce il vantaggio del Grottaglie: Napolitano dalla bandierina di destra calcia una parabola insidiosa, che la difesa ospite che non riesce a liberare, ne approfitta Margarito che al volo dall’ area piccola trafigge l’estremo difensore ginosino Giampetruzzi. Al 6′ combinazione tra Tedesco e Margarito, ma il pallone di ritorno viene intercettato da Camassa che impedisce  l’intervento di Tedesco in piena area di rigore.  Al 9′ Napolitano lancia sul filo del fuori gioco Iunco che si presenta a tu per tu con Giampietruzzi, ma l’attaccante biancoazzurro, invece di concludere verso la porta, serve Tedesco alla sua destra, decisiva ancora la difesa ginosina. Clamoroso al 17′, ancora Napolitano dalla bandierina, retroguardia ospite che respinge corto sui piedi di D’ambrosio che dal limite dell’area calcia in porta, conclusione deviata che diventa un assist per Tedesco che solo, a non più di due metri dalla porta, calcia incredibilmente alto. Trema ancora la porta del Ginosa al 24′ quando Iunco, solo davanti a Giampetruzzi, non angola adeguatamente la conclusione, splendidamente deviata in corner dall’estremo difensore. Al 30' si fa vedere anche il Ginosa che al termine di un’azione scoppiettante porta Scarci alla conclusione ravvicinata, bravissimo De Giorgi a sventare l'insidia. L’ultimo guizzo del primo tempo lo bastisce Messina al 35′ che, sfrutta un’indecisione della retroguardia ospite, e si guadagna la possibilità di tiro che non sfrutta a dovere. Si va negli spogliatoi con il meritato vantaggio dell’Ars et Labor. Nella ripresa ci si attende la reazione ospite, che operano a favore di vento, ma al 47′ è ancora il Grottaglie con Napolitano a rendersi pericoloso con un calcio di punizione dai 20 metri respinto affannosamente da Giampetruzzi. Al 62′ con l’ingresso di Pisano per Napolitano, tra i migliori in campo, cambia l’assetto tattico del Grottaglie che passa dal 3-5-2- al 4-4-2. Al 63′ altra clamorosa palla gol sciupata dal generosissimo Tedesco che di testa, su palla inattiva calciata da Lotito, mette a dura prova i riflessi del n. 1 ospite che si esalta e tiene in vita i suoi. Da questo momento inizia un’altra partita ed il Ginosa, pur senza strafare, guadagna terreno di gioco e crea qualche mischia pericolosa ma rischia comunque grosso al 75′ con Tedesco che intercetta un retro passaggio ma non riesce a superare Giampetruzzi in uscita disperata. Affiora la stanchezza tra i padroni di casa che con il passare dei minuti sono sempre più imprecisi e soprattutto ostinati, con il vento a sfavore, a giocare con palloni lunghi che diventano facile preda della difesa ospite. Il Ginosa ha una fiammata e pareggia al 77′: il neo entrato Casale sfonda sulla destra, si guadagna il fondo e crossa profondo sul secondo palo dove irrompe indisturbato Scarci che da due passi fulmina Costantino, sino a quel momento spettatore non pagante. Ci credono ora gli ospiti, 89′ Carbone, altro ex, penetra in area dalla destra, la sua conclusione e respinta in calcio d’angolo. Dal corner è un altro ex a provarci, Cirrottola, la sua conclusione è deviata nuovamente in corner.Il Grottaglie è alle corde e Pignatale, al 3′ di recupero, si regala un pomeriggio da sogno scaraventando alle spalle di Costantino il calcio d’angolo battuto da Loconte. Il Ginosa vola ed al 4′ di recupero Carbone sciupa il pallone del tre a uno non concretizzando una ripartenza piuttosto agevole. Buona la prova del direttore di gara, che ha saputo condurre un incontro duro ma corretto. 

 

TABELLINO

Reti: Margarito 3′(GR), Scarci 77′ (GI), Pignatale 90+3 (GI)

ARS ET LABOR GROTTAGLIE : Costantino, D’Ambrosio (Cavallo 73′), Margarito, Lotito, De Giorgi, Lecce, Venneri (89′ Sangermano), Messina, Iunco (74′ Morelli), Napolitano (Pisano 62′), Tedesco. A disposizione: Caliandro, D’Andria, De Furia, D’Arcante, Gigantiello.  All. Alfredo Paradisi

GINOSA: Giampetruzzi, Pignatale, Carlucci, Giannuzzi, Camassa, Cirrottola, Donno (67′ Casale), Tenerelli, Scarci, Loconte, D’Angelo (56′ Carbone). A disposizione: Tanzi, Balde Mamadou, Barberio, Ciriello, Moretti, Detommaso. All. Antonio Pizzulli

 

Arbitro: Alessandro Vincenzo Ancona (Sez. di Taranto), coadiuvato dagli assistenti Di Marzio ed Amatore.

Ammoniti: Cirrottola 46′ (Gi), Venneri 64′ (Gr)

Espulsi: Pizzulli (proteste) 37′ (Gi)

Note: Forte vento, terreno in ottime condizioni, buona l’affluenza di pubblico.

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Il calcio in una foto