CRONACA

Raccolta fondi: Il Codacons denuncia Fedez

Il rapper dovrà rispondere dei reati di diffamazione, calunnia, associazione a delinquere, violenza, minacce plurime e induzione a commettere reati

10.05.2020 19:06


Il Codacons ha depositato formale denuncia contro Fedez alla Procura di Roma. Il rapper dovrà rispondere dei reati di diffamazione, calunnia, associazione a delinquere, violenza, minacce plurime e induzione a commettere reati: un lunghissimo esposto dove si elencano gli illeciti commessi dal cantante contro l'associazione dei consumatori e il suo presidente Carlo Rienzi. La vicenda nasce lo scorso marzo, quando il Codacons denunciò le commissioni "ingannevoli" applicate dalla piattaforma Gofundme usata dalla coppia Fedez-Ferragni e da Salvo Sottile per le loro raccolte fondi in favore della sanità italiana, ottenendo un provvedimento d'urgenza dell'Autorità che dichiarò illecito il meccanismo di applicazione delle commissioni a carico dei donatori. Fedez ha replicato con un video sui suoi profili social in cui si dichiara "basito" e replica punto per punto. "Non è una guerra fra me e Codacons: sta cercando di bloccare tutte le raccolte fondi su gofundme, forse non sanno che è la piattaforma più usata al mondo per le raccolte". Poi rivolto al presidente Rienzi dice in video: "Sta cercando di minacciarmi e intimidirmi in tutti i modi. Quello che state facendo – spiega rivolgendosi al Codacons - non solo è pericoloso ma non serve a nulla se non ai vostri interessi". E ribadisce, grazie ai fondi raccolti, la realizzazione della terapia intensiva a Milano che funziona "a pieno regime e salva vite". A essere denunciati per diffamazione, violenza e minacce anche numerosi follower di Fedez che hanno pubblicato sul web "di morte e post violentissimi contro il Codacons, individuati dalla Polizia Postale". Contro gli stessi soggetti il Codacons sta completando anche la dovuta azione risarcitoria in sede civile. (Repubblica)

Silvia Romano: ‘Mi sono convertita all’Islam senza costrizioni’
Lopalco, appello ai giovani: ‘Uscite solo se necessario’