CRONACA

Coronavirus: Più della metà dei contagiati ha oltre 60 anni

Secondo l’istituto superiore di sanità, l'epidemia in Italia non è arrivata direttamente dalla Cina

10.03.2020 22:44

L'epidemia di coronavirus che si sta diffondendo in Italia non ha a che fare direttamente con la Cina. Nel momento in cui è esploso, il Covid 19 circolava da tempo nel nostro Paese: secondo uno studio epidemiologico pubblicato dall'Istituto superiore di sanità, che tiene conto dei dati fino al 9 marzo, cioè di 8.342 persone positive al Covid-19, i positivi di Codogno erano malati già di seconda o terza generazione

LA DISTRIBUZIONE DEI CASI La maggior parte dei malati (il 62%) è di sesso maschile e a morire sono soprattutto persone molto anziane. I casi tra i bambini tra 0 e 9 anni sono pochissimi (0,5%), in assoluto 43. Nella fascia di età tra 10-19 sono 85 (1%), in quella tra 20-29 sono 296 (3,5%), in quella 30-39 sono 470 (5,6%), in quella 40-49 sono 891 (10,7%), in quella 50-59 sono 1.453 (17,4%), in quella 60-69 sono 1.471 (17,7%), in quella 70-79 sono 1.785 (21,4%) e oltre 80 anni sono 1.532 (18,4%). Come si nota dai 60 anni in più si concentrano oltre il 57% dei casi. La mortalità però è molto più spostata verso le classi di età più alte. Tra 40 e 49 anni c'è stato un solo decesso (0,3%), che diventano tre tra i 50 e i 59 e trentasette tra i 60 e i 69. Da 70 a 79 anni i decessi sono stati 114 (31,9%) e sopra 80 sono stati 202, cioè 56,6%. Gli ospedalizzati risultano essere il 21% delle persone infettate, il 12% sono in terapia intensiva. Nessuno nella fascia di età 0-18 è finito in rianimazione. Il 10% dei ricoverati ha tra 19 e 50 anni, il 46% ha tra i 51 e i 70 anni e il 46% oltre 70 anni. “Sono stati diagnosticati – scrivono dall'Istituto superiore di sanità - 583 casi tra operatori sanitari, indicando la possibilità di trasmissione nosocomiale dell’infezione. Questo dato potrebbe essere sottostimato in quanto per una parte dei casi, soprattutto quelli diagnosticati più recentemente, non è stata ancora completata l’indagine epidemiologica”. 

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
[Video] Taranto: Galigani non ha dubbi, ‘Giove non molla’