Calcio Varie

Decreto Rilancio: Affitti stadi sospesi fino al 30 giugno 2020

20.05.2020 12:30


Gli affitti per gli impianti sportivi, quindi anche gli stadi, restano sospesi fino al 30 giugno 2020. I relativi versamenti potranno essere effettuati, senza interessi, entro il 31 luglio o attraverso un pagamento a rate (massimo 4) a partire sempre da luglio. È questo quanto prende l’articolo 216 del Decreto Rilancio, da stanotte pubblicato in Gazzetta Ufficiale, in materia di impianti sportivi. Un aiuto che riguarda le società calcistiche e non solo: il pagamento del canone per impianti di fatto inutilizzati dall’inizio dell’emergenza Coronavirus rappresenta infatti un costo non da poco a bilancio. 

Non solo sospensione: sarà possibile ridurre il canone. Inoltre, il comma 2 dello stesso articolo prevede la possibilità per i concessionari di impianti sportivi pubblici (esempio concreto: una squadra di Serie A e lo stadio comunale, a meno che non sia di sua proprietà ovviamente) di concordare una riduzione del canone e ridiscutere i contratti in scadenza entro il 31 luglio 2023 (sono molti anche ad altissimi livelli, altro esempio concreto: la concessione del San Paolo al Napoli scade proprio in questa data). Il rischio per le amministrazioni comunali, in caso di mancato accordo, è che le società possano recedere dal contratto, con diritto al rimborso dei costi sostenuti per le migliorie, perché l’impossibilità di utilizzare l’impianto a causa della pandemia è individuata automaticamente come causa di squilibrio economico. Un meccanismo analogo è previsto, al comma 3, anche per quanto riguarda impianti sportivi privati (palestre, piscine e simili): in questo caso però il DL Rilancio non paventa l’ipotesi di una rescissione del contratto, ma presume, anche per snellire il contenzioso giudiziale, una riduzione del 50% del canone di affitto per i mesi da marzo a luglio 2020.

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Teatro Pubblico Pugliese: ‘Il viaggio di Sinbad’ sbarca sul web