Tennis: Master 1000 Miami nel segno di Carlitos Alcaraz

TENNIS
04.04.2022 13:47

(Di Fabio Dal Cin) Si chiude il Master 1000 di Miami. A vincere è un giovane spagnolo, il più giovane a vincere questo torneo nell’era Open, già da alcuni mesi eletto erede naturale di Rafa Nadal, il suo nome è Carlos Alcaraz. Questa volta siamo sicuri, non sarà una meteora del tennis, destinato a dissolversi come neve al sole travolto dal calore del successo prematuro. Il suo gioco, la sua gestione dei punti importanti, la sua correttezza in campo, sono ingredienti tipici di un campione affermato. 

Carlos Alcaraz supera in due set Casper Ruud con il punteggio di 7-5 6-4, e si aggiudica il suo primo titolo Masters 1000. È il primo spagnolo a vincere il Miami Open in nove finali. Un match equilibrato fino al termine del primo set, ma che successivamente ha messo in luce i limiti del norvegese ed esaltato la varietà dei colpi dello spagnolo. La vittoria del torneo vale per lui l’undicesimo posto del ranking che occuperà a partire da lunedì prossimo (scalzando il nostro Jannik Sinner) e il n. 2 della Race.

Nel tabellone femminile abbiamo invece assistito al trionfo della polacca, e nuova numero uno al mondo, Iga Swiatek, sulla giapponese Naomi Osaka che, se da una parte ha avuto il merito di ritrovare stimoli per tornare a competere (già vincitrice slam), dall’altra è apparsa lontana dal tennis di vertice, quello che conta. Punteggio finale 6-4 6-0.

Il torneo appena concluso lascia inoltre un quadro chiaro di cosa aspettarci nelle prossime settimane: il numero 2 al mondo Medvev sarà fermo per 1-2 mesi per un intervento chirurgico ad un’ernia, Nadal dovrebbe recuperare per disputare il Rolando Garros, Berrettini dopo l’intervento al polso, potrebbe scendere in campo per il master 1000 di Montecarlo.

Proprio sulla terra rossa di Montecarlo, in allenamento, è stato “avvistato” in queste ore un certo Novak Djokovic!

Buon tennis!

Proteggi la tua auto/moto 🚕 🏍 e risparmia fino al 65%
Eccellenza/B: Massafra piega Ginosa allo scadere