Cultura, musica e spettacolo

Turismo: Puglia, Grecia, Spagna, le più belle mete balneari del Mediterraneo

02.06.2020 15:07

Parlare del Mediterraneo significa raccontare di splendide città affacciate sull’azzurro del mare, di località balneari baciate dal sole e contornate da lunghe distese di sabbia dorata. Ma il Mare Nostrum, come veniva identificato in epoca romana, è molto più che sole, mare azzurro e spiagge. La penisola italiana, che si staglia nel mezzo del bacino del Mediterraneo, è tra i paesi di quest’area che, per storia e cultura, meglio traducono la bellezza naturalistica e paesaggistica di questa parte del pianeta. Lungo le coste del Bel Paese, infatti, si possono trovare oltre 400 località, tra spiagge, porti, riserve e approdi, premiati con le Bandiere Blu 2020, il prestigioso riconoscimento annuale della Foundation for Environmental Education. In totale, circa il 10 per cento delle spiagge che hanno ricevuto in questa stagione l’ambita bandiera blu nel mondo appartengono all’Italia. Una di queste si trova in Puglia e precisamente lungo il litorale tarantino. Parliamo di Castellaneta Marina che, grazie alla sua sabbia chiara finissima e alla folta vegetazione che la circonda, è stata premiata per il sesto anno di fila con l’ambita bandiera blu. La Puglia, come del resto la costa della Toscana, le isole della Sicilia e della Sardegna o la riviera marchigiana, rappresentano indubbiamente alcune delle più belle località del Mar Mediterraneo, probabilmente le più famose e visitate dai turisti di tutto il mondo. Un vero e proprio fiore all'occhiello del turismo italiano. Ma al netto delle più note mete turistiche italiane, il bacino del Mediterraneo presenta una miriade di località balneari che offrono al tempo stesso la possibilità di vivere l'esperienza di un mare da sogno e godersi una vacanza nel segno del divertimento e del buon cibo. Partendo dalla Spagna, ad esempio, lungo i 150 chilometri della Costa del Sol (nel sud della penisola iberica), si trovano una serie di cittadine più o meno note, diventate ormai tra le mete turistiche più ambite e scelte di tutto il Mediterraneo. Come una delle sue città simbolo, Marbella, famosa per la vita mondana e la cucina che annovera, ad esempio, il gazpacho tra le sue ricette tipiche più riconosciute a livello internazionale. Dalla Spagna ci spostiamo in Grecia, seconda soltanto all’Italia per numero di spiagge e porti premiati con l’ambito riconoscimento delle bandiere blu. Una delle destinazioni più note di questo paese è Creta, l’isola più grande della Grecia. Decine e decine di spiagge, tutte con caratteristiche diverse, fanno da cornice ad una delle più affascinanti e storiche località del Mediterraneo, come ad esempio la spiaggia rosa di Elafonisi o la laguna di Balos. Anche qui a farla da padrone è la cultura enogastronomica che a queste latitudini si traduce in una delle produzioni più caratteristiche di formaggi, olio d’oliva e lumache.

Tra le località meno battute e note del Mediterraneo segnaliamo la baia di Cattaro in Montenegro, già patrimonio mondiale dell’Unesco dalla fine degli anni settanta. Entrambe le sponde della stretta baia sono circondate da spiagge di sabbia bianchissima e sostenute da splendide catene montuose. L’insenatura è del tutto simile a quella di un fiordo norvegese, ma le città che si affacciano su questa porzione del Mare Nostrum, come Cattaro e Perast, sono decisamente più calde e molto caratteristiche, tanto da attrarre decine e decine di navi da crociera che ogni anno stazionano qui per godere di questa splendida cornice naturalistica. Chiudiamo il nostro tour tornando a parlare dell’Italia e, in particolare, della Costiera Amalfitana. Questo tratto della costa della Campania, compreso tra le province di Napoli e Salerno, presenta alcune delle località balneari più famose al mondo, come Amalfi o Positano, veri e propri labirinti di stradine e vicoli che si inerpicano lungo i pendii dei monti Lattari. In questo senso, viaggiare per i paesi della Costiera Amalfitana e della vicina Costiera Sorrentina significa anche cogliere l’occasione per godersi ore e ore di trekking, immersi nella natura, con viste indescrivibili sul mare e sulle altre località di mare della Campania.

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Borraccino attacca ArcelorMittal: ‘Atteggiamento gravissimo’