CRONACA

Viaggia controsenso su Statale 7, fermato 80enne di Grottaglie - Video

Sulla Taranto-Brindisi, per oltre venti chilometri al volante della sua Lancia Ypsilon 10 a 120 km orari

28.12.2020 18:43


Per oltre venti chilometri al volante della sua Lancia Ypsilon 10 contromano sulla doppia corsia della Statale 7 Taranto-Brindisi. Un 80enne di Grottaglie è stato fermato dagli agenti della polizia locale di Mesagne, con la collaborazione di carabinieri e polizia, la mattina di domenica 27 dicembre dopo un rocambolesco inseguimento durato circa sette chilometri. Dopo diverse segnalazioni, due pattuglie dei vigili hanno individuato l’auto all’altezza dell’uscita Mesagne Ovest in marcia a una velocità di 120 chilometri orari. L’intervento durato in tutto otto minuti è terminato alle porte di Brindisi, per fortuna senza conseguenze. Nel video girato da un automobilista si nota la Lancia dell’80enne incrociare altre auto e si avvertono i loro clacson. Una volta sbarrata la strada, l’anziano che viaggiava con i vetri laterali appannati, si è  fermato: era in stato confusionale ed è stato portato al comando della polizia locale dove l’hanno raggiunto i figli e gli è stata ritirata la patente. “Presumiamo che abbia imboccato la Statale tra Grottaglie e Francavilla – spiega Teodoro Nigro, comandante della municipale di Mesagne – e ci è voluta tantissima fortuna perché non succedesse alcun incidente. Il giorno festivo e le poche auto in circolazione sono state probabilmente determinanti, come le segnalazioni precise degli automobilisti. L’anziano ha raccontato che stava andando nella sua campagna ed era convinto di aver imboccato nella giusta direzione. La manovra degli agenti – aggiunge – è stata pronta, rischiosa, precisa ed encomiabile. Il 10 dicembre una donna di 84 anni è morta dopo uno scontro frontale proprio in quel tratto, mentre era a bordo di una Panda in viaggio contromano. È evidente che c’è un problema negli svincoli della Statale”. (Repubblica)

Covid: 28 dicembre, 16 nuovi casi e 5 morti nel tarantino
Il nuovo mostro post-apartheid è l’industria ArcelorMittal. La Taranto del Sudafrica