Cultura, musica e spettacolo

Teatro: Poltronissima 2020, febbraio si apre con ‘Quanne le chiacchiere so assaje’

Si torna in scena sabato 1 febbraio con una commedia comica italo-dialettale da non perdere

Comunicato stampa
28.01.2020 16:56


Ridere, divertirsi, riflettere. Sono gli ingredienti che caratterizzeranno il prossimo appuntamento con “Poltronissima”, Rassegna di Teatro e Musica organizzata dall’Associazione Artistico Culturale “Compagnia Teatrale Lino Conte”. Si torna in scena sabato 1 febbraio con una commedia comica italo-dialettale da non perdere, “Quanne le chiacchiere so assaje”: un’altra perla del cartellone scelto dai direttori artistici Lino Conte e Aldo Salamino. Il terzo atto del cartellone dell’inverno 2020 è liberamente tratto dal testo  “Di male in meglio” di Giuseppe Aronne: la regia è curata da Corrado Blasi. L’ingresso è fissato alle 20.30 con sipario ore 21 presso l’Auditorium Tarentum. Il costo dei biglietti è di 10 euro per la platea e 8 euro per la galleria. Per informazioni e prevendite sono a disposizione i numeri telefonici 3923096037 e 3427103959 e il numero WhatsApp 3917475725. “Poltronissima”, come di consueto, si avvale del sostegno della Fita, la Federazione Italiana Teatro Amatori e del Teatro Auditorium Tarentum. Divertente e articolata la trama dello spettacolo. Una coppia benestante (“Flavio” interpretato da Giovanni Diricatti e “Lucrezia”, Maria Rosaria Mascaretti) ospita in casa loro una coppia di braccianti loro dipendenti (“Tommaso”, Massimo Cavallo, e “Luisa”, Vita Mascaretti). I relativi figli (“Giorgia”, Antonella De Ciro, e “Luca”, Andrea Padula) sono profondamente innamorati ma la ragazza scopre di essere malata di cuore e questo la porta ad assumere strani atteggiamenti nei confronti di tutti. Un curioso spasimante, un improbabile “figlio della nobiltà”, (“Pippo”, Ciro Fornari) cerca di approfittare della situazione per accasarsi spinto dalla propria madre (“Antonietta”, Mimma Pignatelli) che, appunto, di nobile ha ben poco. Ma quando le chiacchiere prendono il sopravvento può capitare che una parola capita male e riportata peggio possa dare vita a situazioni esilaranti alternate a rabbia e malumori di fatto ingiustificati. Se poi queste sono assecondate da una allegra governante (“Carmela”, Maria Antonietta Galasso) ecco che la vita in casa assume un aspetto grottesco. Il quadro si completa quando si presentano, all’interno della giostra familiare, una bella ragazza (“Laura”, Eleonora De Ciro), con uno “strano” interesse per il giovane di casa, ed una avvenente psicologa (“Clara”, Raffy Scialpi). Lo scopo della farsa, diretta da Corrado Blasi, è solo quello di far divertire il pubblico. Con un suggerimento bonario, però: forse sarebbe meglio, in alcuni casi, fare attenzione non solo a quello che si dice ma anche alla fonte dalla quale sgorgano le notizie che ci giungono all’orecchio perché… “Quanne le chiacchiere so’ assaje…”. Poltronissima tornerà alla ribalta sabato 22 febbraio con uno spettacolo cult. La Compagnia “Angelo Caracciolo” rappresenterà la commedia di Curcio ed Edoardo De Filippo “La fortuna con la effe maiuscola”.

CISL Taranto Brindisi: ‘Operatori sanitari abbandonati, scenderemo in piazza’
Tv: ‘Dance, the audition’, mercoledì 29 gennaio prima visione su Rai 5