Giulio Leone: ‘Come il covid ha cambiato le nostre vite’

Giulio Leone, coordinatore del PSI di San Giorgio Ionico
Cultura, musica e spettacolo
04.05.2021 13:58

Quasi tutti hanno cambiato il proprio comportamento a seguito della pandemia che ci ha colpito. Molte persone si sono volontariamente messe in isolamento domiciliare o hanno perlomeno limitato ampiamente i contatti personali. Tuttavia, non tutti i cambiamenti sono stati valutati negativamente, ci sono stati aspetti positivi: la pandemia ha permesso alla famiglia di avvicinarsi. Ma a causa delle entrate ridotte e delle spese domestiche più elevate (perché maggior parte del tempo lo trascorriamo a casa) ci sono maggiori difficoltà economiche. Ma quale è stato il sintomo più frequente tra i contagiati? Insieme alla temperatura elevata, tosse e dolori articolari, ossei o muscolari, c’è lo sconforto! Per essere felici bisognerebbe desiderare ciò che si ha. Abbiamo riscoperto o maggiormente apprezzato ciò che apparteneva alle nostre vite e che ci appariva del tutto normale, se non addirittura scontato. Dalle cose più leggere come un caffè al bar, una cena in pizzeria o al ristorante, una partita di calcio o altri sport, un film al cinema, uno spettacolo a teatro, sino a tante altre cose molto più importanti. Nonostante questo quadro così complesso, abbiamo il dovere di guardare avanti. Magari con qualche certezza e qualche aiuto in più, perché da soli sarà davvero difficile. (Giulio Leone. coordinatore del Psi di San Giorgio Ionico).

Commenti

BCC San Marzano: Assemblea soci approva bilancio all’unanimità
Teatro: Piccolo blu e piccolo giallo, giovedì 6 maggio dal bibliobus