BASKET

Basket B/F: Ad Maiora Taranto perfetta e implacabile, Stabia al tappeto

Le tarantine riscattano il ko dell’andata portandosi in vantaggio per la differenza canestri nel doppio confronto

Comunicato stampa
26.01.2020 11:24

La Lowengrube in modo implacabile, tra le mura casalinghe centra la settima vittoria, superando lo Stabia, riscattando la sconfitta subita all'andata, sul neutro di Gragnano e si porta in vantaggio per la differenza canestri nel doppio scontro. Coach Palagiano, durante la settimana, aveva preparato minuziosamente e scrupolosamente il match contro le campane, soprattutto con schemi di gioco tendenti a limitare "l'arma impropria", la guardia Potolicchio, autrice, la settimana scorsa, nella vittoria contro il Salerno di ben 45 punti sugli 89 complessivi. Il coach ionico, pensava di schierare il quintetto più agile ed idoneo all'occasione composto da Armenti, dalle guardie De Mitri e Lacitignola e nell'area stabiese, con il compito di incursori, Palmisano e Ciminelli. Pischedda, tecnico sardo delle ospiti, opponeva alle rossoblu, Monda, Potolicchio,  Somma, Seka e Scala. Inizio subito dirompente per le tarantine che infilando in velocità ed in contropiede la difesa ospite piazzavano subito un break di 6 a 2, con conclusioni precise di Armenti e Lacitignola, poi le ospiti cercavano di ridurre il gap, ma le ioniche sempre con Lacitignola, Armenti e la Palmisano, chiudevano il quarto sul 17 a 8, nonostante una serie di errori che avrebbero potuto ampliare il gap in modo considerevole e l'opposizione delle ospiti lasciata nelle mani della Cannavale, Inverno (un'ira di Dio nella serata) e dello spauracchio Potolicchio. Nel secondo periodo, nonostante il gran accumularsi dei personali in danno delle ioniche, le ragazze di Palagiano effettuavano una partenza sprint, guidata da Tolardo, dalla De Mitri e dalla nuova entrata in campo, la croata Milicevic, chirurgica nelle conclusioni dall'angolo e dalla media. Le ospiti, annichilite ed impotenti nei confronti delle cecchine rossoblu, incassavano un parziale medio ed il distacco con le locali arrivava al - 14  (18 a 32), all'intervallo lungo. Alla ripresa del gioco, nel terzo quarto, la Lowengrube con un carico di falli che limitava Lacitignola, Armenti e Ciminelli (costrette ad essere ruotate per non terminare anticipatamente il match), con la battaglia sotto le plance dove Milicevic e Palmisano avevano la predominanza sulla difesa ospite e nel contempo una super Armenti, in serata di grazia, perforava la retina ospite e dalla media e lunga distanza fiaccava il gioco delle campane. All'ultimo mini intervallo, il vantaggio di venti punti (44 a 24), pareva rassicurante e per essere sicuro Palagiano dava disposizione alle sue ragazze di centellinare i falli e con alcuni contropiedi ficcanti tentava di tenere a distanza di sicurezza le ragazze di Pischedda che, nei minuti finali, accorciavano le distanze, fissandole al -15  in dirittura di arrivo (40 - 55). La gioia post gara, moderata, faceva da contraltare alla grande amarezza ospite per aver perso in una serata, il vantaggio nella differenza canestri, aver incassato un'altra sconfitta dolorosa in trasferta in uno scontro diretto ed essere scivolati in 5^ posizione. La moderata soddisfazione veniva rafforzata dai risultati provenienti dagli altri due campi importanti , nella 4^ giornata di ritorno, ovvero Bari, dove la capolista Capri passava abbastanza tranquillamente al Palabalestrazzi e Salerno, dove la formazione della presidentessa Angela Somma travolgeva il Corato, alle prese con una delle ultime occasioni per agganciare il sesto posto (ultimo utile) per partecipare alla lotteria dei play off A/2. Adesso testa, alla prossima giornata, la 5^ di ritorno, dove la Lowengrube sarà in trasferta a Caserta, per un match che, pur sulla carta abbordabile, potrebbe riservare delle sorprese e se non si è preparati e pronti potrebbe creare delle difficoltà, ma l'obbiettivo ora è il mantenimento della quarta piazza e possibilmente migliorarla ulteriormente, scalando la classifica.

LOWENGRUBE Ad Maiora Basket Taranto-BANCA STABIESE Basket Femminile Stabia 55-40 (17-8, 32-18, 44-24)

LOWENGRUBE: Armenti 12, Milicevic 9, De Mitri 8, Caminitin.e., Palmisano 6, Lacitignola 6, Ciminelli 8, Tolardo 6, Cimmino n.e., Capriulo n.e. (All. Fabio Palagiano - 1° ass. all. Lamberto Vernaglione).

BANCA STABIESE: Monda,  Catalani n.e., Cannavale 6, Inverno 16,  Seka 2, De Rosa, Potolicchio 7, Somma, Dione, Scala 9, Paduano n.e., Germano n.e. (All. Davide Pischedda - 1° ass. all. Nunzio Martone).

Arbitri: Maurizio Ceo di Bari e Simone Pocognoni di Leporano (Taranto).

CLASSIFICA DOPO LA 4^ GIORNATA DI RITORNO Olimpia Capri 22, Pol. Battipagliese 18 (*), GIVOVA Scafati 18 (*), Ad Maiora Taranto 16, Stabia 16, Salerno 14, Pink Sport Time Bari 10, Pol. N. Matteotti 10,  JuveCaserta Academy 2 (*), Basilia Potenza 0.

(*) una gara in meno.

La gara tra Caserta e Potenza si disputerà domenica 26 gennaio  2020 alle ore 18.00 nella città campana

La gara tra Scafati e Battipaglia (sul neutro di Angri) si disputerà martedì 4 febbraio 2020  alle ore 21.00.

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Il calcio in una foto