Puglia: Assegnazione dello SPID, anziani nella morsa della burocrazia

Denuncia di CIA Puglia e ANP: ‘Diritti negati, digitalizzazione carente, soffrono imprese e persone’

CRONACA
07.04.2021 13:08

La CIA Agricoltori Italiani e Associazione dei Pensionati della Puglia segnalano che permangono difficoltà circa l’assegnazione dello SPID per l’accesso e i contatti dei pensionati con la Pubblica amministrazione e/o enti ad essa collegati, per la verifica delle proprie prestazioni previdenziali ed assistenziali. A livello nazionale, su 16 milioni di pensionati, solo poco più di 4 milioni utilizzano il PIN fornito dall’INPS. “Indubbiamente il passaggio dal PIN allo SPID si sta rivelando più difficoltoso del previsto anche in termini di collegamenti e di gestione”, ha dichiarato Francesco Tinelli, presidente di ANP-CIA Puglia. “A ciò si aggiunge che non tutti i territori della nostra regione sono coperti dalla banda larga, soprattutto per quanto riguarda le zone rurali interne e svantaggiate. La stragrande maggioranza delle imprese e dei pensionati non ha dimestichezza con l’uso delle nuove tecnologie, e di conseguenza non è in possesso di strumenti (computer, tablet, ecc.). Le coppie di pensionati inoltre, per avere accesso allo SPID dallo stesso provider ai dati di entrambi dovranno e dovrebbero avere due utenze telefoniche diverse”. “La CIA Agricoltori Italiani e l’Associazione dei Pensionati”, ha aggiunto il presidente di CIA Agricoltori Italiani della Puglia Raffaele Carrabba “denunciano gli effetti deleteri di una burocrazia che rende tutto più difficile e macchinoso, attraverso l’eccesiva produzione e richiesta di documenti, adempimenti e dichiarazioni che rendono più complicato accedere ai propri diritti. Ogni anno numerose giornate lavorative vengono sprecate per produrre carte e varcare la porta dei vari uffici dopo file e attese snervanti. Tutto questo si traduce in un danno economico per le imprese e per i cittadini”. La CIA Agricoltori Italiani e l’Associazione dei Pensionati ritengono opportuno sollecitare il Governo Nazionale e quello Regionale affinché affrontino con sollecitudine i seguenti punti: - Estensione della rete delle nuove tecnologie di comunicazione e della digitalizzazione su tutto il nostro territorio. - Promuovere una campagna di educazione digitale a favore delle imprese e dei pensionati, assicurando loro anche la fornitura agevolata degli strumenti necessari all’utilizzo della rete. “Serve applicare concretamente la legge n. 120/2020 detta della “semplificazione”, rendendo disponibile un domicilio digitale, dove i documenti possono essere messi a disposizione e consegnati a coloro che non hanno accesso a un domicilio digitale”, ha spiegato Carrabba. “Vogliamo e dobbiamo cambiare rotta. Cominciamo dal facilitare l’assegnazione dello SPID e dal rendere più semplice collegarsi con la Pubblica Amministrazione in tempi decenti”, hanno concluso Tinelli e Carrabba. (Comunicato stampa)

Commenti

Una città per cambiare Taranto: ‘Ancora una volta Stato sceglie lavoro che salute’
Taranto: ‘Accorrete, altrimenti ammazzo mia moglie’, arrestato