ALTRI SPORT

Il mondo sportivo tarantino chiede aiuto alle istituzioni

Il sindaco Melucci e l’assessore Marti hanno assicurato sostegno alle Asd per evitare il ‘crack’ per la crisi causata dal coronavirus

Comunicato stampa
07.05.2020 11:21

Fabiano Marti, assessore allo sport, e il sindaco Rinaldo Melucci
Un momento di confronto e dibattito sulla crisi che il mondo sportivo tarantino sta attraversando a causa delle pesanti limitazioni imposte dal Coronavirus e soprattutto sul come affrontare al meglio la ripresa, atteso che molte associazioni e società sportive dilettantistiche potrebbero addirittura non riprendere la propria attività con intuibili e preoccupanti ripercussioni anche sulla funzione socio-educativa che svolgono sul territorio. E' il risultato di un incontro svoltosi nella giornata di mercoledì 6 maggio, in modalità videoconferenza, che ha visto da una parte il Delegato Provinciale CONI Taranto Michelangelo Giusti, accompagnato dai Rappresentanti Locali di Federazioni Sportive, Discipline Sportive Associate e Enti di Promozione Sportiva; dall'altra il Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e l'Assessore allo Sport Fabiano Marti. In rappresentanza dei diversamente abili c'era anche Giuseppe Fischetti, molto attivo in questo settore. Il mondo dello sport si è mostrato compatto e unito; partendo innanzitutto da problematiche di carattere generale che ogni realtà sportiva vive in questo periodo di emergenza, per poi entrare anche nel merito delle possibili proposte da attuare. Il Sindaco, confermando sensibilità ed attenzione nei confronti dello sport, si è reso disponibile ad ulteriori incontri di verifica sull'andamento della situazione. Nello specifico, ha assicurato il sostegno dell'Amministrazione Comunale per venire incontro - nonostante le diverse priorità in agenda e le limitate risorse - alle difficoltà che le A.S.D. stanno affrontando, sostenendole al fine di evitare un vero e proprio "crack" dello sport sul territorio. Purtroppo i mancati incassi, appena sufficienti nella normalità per garantire la sopravvivenza di molte A.S.D. - che si sostengono grazie alla passione di dirigenti e tecnici - unitamente al prevedibile calo di tesseramenti (soprattutto dei giovani) all'atto dell'apertura nonché le spese per assicurare il rispetto delle norme di sicurezza (così come imposte da Governo, CONI, Federazioni Sportive ed Enti di Promozione Sportiva Nazionali) costituiranno un grande problema per molte realtà. Soddisfazione è stata espressa anche dal Delegato Provinciale CONI Taranto Michelangelo Giusti - a nome degli Organismi Sportivi Provinciali - per la fattività e la cordialità con cui si è svolto l'intero incontro.

Taranto: Massimo Giove ‘conferma’ Peppe Genchi
Crispiano: Fase 2, ripartono gli sport individuali