CALCIO

Calcio: Elio Di Toro, 'In questo momento mi sto godendo la famiglia'

Cosimo Vestita
14.12.2019 17:24

Ad appena un mese di distanza dall'inconsueto cambio allenatori e direttori sportivi che ha colpito il girone H, della Serie D, l'ex direttore sportivo del Cerignola Elio Di Toro, ci racconta l'avventura passata con i sipontini: "E' stata un'esperienza importante, la società è molto ambiziosa. Ho conosciuto una realtà che ha voglia di emergere. Naturalmente ci sono state delle difficoltà dettate dall’ambiguità della categoria che dovevamo affrontare, con - in più - il dover anche recuperare delle partite tutte ravvicinate a fronte di una squadra ancora incompleta: questa situazione non ha permesso di raggiungere dei risultati positivi anche se le prestazioni ci sono state.  E’ mancata un pizzico di fortuna e – probabilmente - anche una lettura più lungimirante della situazione per essere un po' più concreti. La riflessione attuale, in ogni caso, mi mette nella condizione di valutare la squadra che abbiamo tirato su e che, secondo me, si sta esprimendo bene ed è ottima per affrontare la categoria".

Mercato: “E’ la prima volta che mi trovo in questa situazione. Negli ultimi otto anni - da quando ho smesso di giocare - ho sempre lavorato. In questo momento mi sto godendo la famiglia. Ho avuto qualche offerta, però, ad essere sincero, non le ho preso in considerazione. Tranne che per clamorose situazioni, se ne parlerà comunque da gennaio in poi. Al momento voglio stare tranquillo, mi sento sereno in merito al lavoro che è stato fatto e mi auguro che il Cerignola vada il più lontano possibile”.

Tra acquisti e cessioni: “Mi sembra un mercato un po' strano: acquisti di rilievo finora non ce ne sono stati, forse non è entrato ancora nel vivo. Chiaramente, questo mette le società nella condizione di effettuare valutazioni più approfondite. Secondo me avremo molte sorprese sino alla chiusura. Probabilmente sarà un mercato dove chi avrà la necessaria freddezza, farà fare il salto di qualità alla propria squadra e rendere la rosa più equilibrata ed omogenea; questo, alla lunga, potrebbe fare la differenza”.

Taranto-Cerignola:“Sarà una partita importante per entrambe le squadre: sono state costruite per fare un campionato di vertice. Mi auguro che il Cerignola possa continuare il suo percorso, e lo dico perché questa società la sento ancora “mia ”, pertanto, mi auguro che possa fare un risultato positivo e proseguire l’ascesa”.

Le protagoniste del campionato: “Direi che ­ -  da un punto di vista generale -  sia il Bitonto che il Foggia, finora hanno fatto un campionato strepitoso, per cui in questo momento sembrano le squadre favorite. Occorre essere cauti, in ogni caso, perché si tratta di un campionato difficile. Ho vissuto una esperienza simile, quando ero a Manfredonia. La disputa allora era tra Trastevere e Bisceglie: i baresi erano in ritardo a sette giornate dalla fine. Poi la squadra recuperò tantissimo e vinse il campionato. Alla luce di questa esperienza posso dire quindi che i campionati si vincono a maggio: di sicuro, fino alla fine, ne vedremo ancora delle belle”.

Taranto: Giochi del Mediterraneo 2026, presentato il logo ufficiale
Ippica: Premio ‘Cento volte Natale’, Zinfandel ci riprova con fondate speranze