CRONACA

Taranto: Canili comunali, sopralluogo del sindaco Melucci

Comunicato stampa
11.09.2020 15:22


Questa mattina il sindaco Rinaldo Melucci è stato nel canile sito nella zona PIP a ridosso del quartiere Paolo VI, e nel canile sanitario in via Galeso, nel quartiere Tamburi. L’area dove è situato quest’ultimo è attualmente oggetto di radicali lavori di riqualificazione, con la costruzione di una nuova, accogliente e moderna struttura destinata a divenire canile rifugio, con 55 posti dotati di cucce coibentate, con abbeveratoio e area esterna coperta, la cui consegna è prevista per fine settembre. «Si tratta di un progetto unico – ha spiegato il sindaco Melucci –, abbiamo ottimizzato le risorse regionali realizzando un canile dotato di ogni comfort, che miglioreremo ulteriormente con la realizzazione di aree esterne per lo sgambettamento dei cani e l’accoglienza dei cittadini. Abbiamo ereditato strutture che sentivano tutto il peso dei loro anni, mantenendole comunque nel decoro e nel rispetto per i loro ospiti: oggi stiamo investendo altre risorse per migliorare e garantire un servizio che è fondamentale per la città». Il sindaco Melucci ha salutato anche gli operatori dell’ambulatorio veterinario annesso al canile sanitario, struttura gestita dall’Asl dove vengono effettuati diversi interventi sui randagi. Con la realizzazione del nuovo canile rifugio sarà possibile alleggerire il canile sanitario, dove sono previsti ulteriori interventi di ammodernamento. Nel canile di Paolo VI, invece, sono attualmente ospitati 72 cani, in attesa che un nuovo padrone si faccia avanti. «Noi ci stiamo impegnando affinché queste strutture diventino sempre più accoglienti  – l’appello del primo cittadino –, affinché chiunque abbia intenzione di adottare un cane passi prima da qui: invitiamo i nostri concittadini a farlo, troveranno un compagno ansioso di dare affetto. Gli occhi di questi animali sono un libro aperto».

Taranto: Mobilità, assessore Cataldino incontra studenti Liceo Aristosseno
Promozione: Spartan Boys Ginosa, tra i pali l’esperienza di Antonio Laghezza