TARANTO

Latartara: ‘Al Taranto manca qualcosa per essere da primato’

Il doppio ex analizza il derby dello Iacovone: ‘Brindisi squadra di personalità’

Cosimo Lenti
20.11.2020 09:32


Francesco Latartara, lei è uno dei tanti doppi ex di Taranto e Brindisi, che ricordi si porta dentro?
“Due piazze calde e appassionate. Da tarantino, quando indossavo la maglia rossoblù davo il doppio in campo per il pubblico. Brindisi, però, non è da meno: la tifoseria ti dà tanto e pretende tanto. Sono le tipiche città che vogliono tornare ai fasti di un tempo".
Che partita si aspetta?
“Dopo un lungo periodo di inattività, la spunterà chi sarà più pronto mentalmente e fisicamente. Con il Covid sono saltati molti equilibri, ogni partita è da tripla. Da tarantino spero vincano i rossoblu, ma da ex Brindisi mi auguro che anche gli adriatici disputino una buona partita”.
A chi ha sorriso di più questo inizio di campionato?
“Il Brindisi è partito bene, mi ha fatto una buona impressione sul piano della personalità. Al Taranto, buona squadra, manca ancora qualcosa per vincere il campionato. Nel complesso però ha un buon organico, con calciatori di categoria che danno l’anima in campo. Sarà un campionato particolare, è difficile trovare una squadra che possa vincerlo a mani basse”. 
La passata stagione, alla guida della Juniores del Taranto, è stata straordinaria: quanto le è dispiaciuto fermarsi a metà?
“Tanto, davvero tanto. Ci siamo divertiti sia io che i ragazzi, si era creato un bellissimo rapporto. Vedere alcuni calciatori approdare nella prima squadra del Taranto o giocare titolari in Eccellenza è una grossa soddisfazione. Mi è dispiaciuto lasciare, ma è andata così”. 
Ora è in attesa di panchina, si è mosso qualcosa?
“Prima che sospendessero i campionati sì, adesso poco o nulla. Ci sono stati contatti con alcuni club di Eccellenza e uno di Serie D, ma nulla di che”.

Taranto: Marti scrive a Massimo Bray, neo assessore regionale Cultura
Taranto-Brindisi: ‘Espugnare lo Iacovone, che soddisfazione’