CRONACA

Taranto: Case in vendita a 1 euro, ne parla anche il britannico Telegraph

28.01.2020 23:08


"Taranto, nel profondo sud italiano, diventa la prima città a offrire case a un euro dopo il successo dell'iniziativa del colle cittadino". Il percorso è stato segnato da città collinari e piccoli borghi in tutto il paese, ma ora, per la prima volta, una città italiana offre i suoi palazzi abbandonati per la somma nominale di 1 € (85 p). Taranto, nel profondo sud Italia, spera di dare nuova vita al suo pittoresco ma fatiscente centro storico, che si trova su un'isola stretta tra una laguna e il mare aperto. Ha preso il comando dalle dozzine di piccoli borghi, dalla Sicilia alle Alpi, che stanno cercando di arginare gli effetti dello spopolamento vendendo le case al prezzo di un espresso. Nel diciannovesimo secolo l'isola aveva una popolazione di circa 40.000 abitanti, ma anni di abbandono significano che ora è scesa a meno di 3.000. I potenziali acquirenti non troveranno carenza di attrazioni storiche nelle strade strette del centro storico, da un castello Aragonese a una cattedrale che risale al X secolo. Nelle vicinanze ci sono spiagge sabbiose e una riserva naturale che ospita fenicotteri.
Il consiglio comunale prevede di iniziare mettendo in vendita cinque immobili, con la speranza che se lo schema avrà successo, il progetto verrà ampliato. "Stiamo redigendo un elenco dei beni immobili del comune", ha detto a un giornale locale Francesca Viggiano, l'assessore responsabile del patrimonio.

"Puntiamo a prendere misure che si tradurranno nel ripopolamento e nello sviluppo della Città Vecchia. Vogliamo attirare investimenti che rianimino il centro storico. " Ci sono già state domande da New York, oltre a quelle più vicine a casa - Milano e Roma. Sergio Rubini, un regista che ha ambientato uno dei suoi film nella città vecchia, ha dichiarato: “È il cuore di Taranto e senza il suo cuore, un luogo non può più esistere. I centri storici rappresentano le memorie storiche di una città. " Un elenco delle proprietà in vendita sull'isola, che è collegata alla terraferma da due ponti, sarà redatto nei prossimi giorni. I nuovi proprietari dovranno pagare il conto del ripristino delle proprietà, un costo che potrebbe ammontare a centinaia di migliaia di euro.

Dovranno presentare un piano di restauro entro due mesi dall'assunzione della proprietà dell'edificio. Sarà inoltre loro richiesto di occupare le proprietà, una condizione progettata per impedire agli speculatori di distruggerli e venderli con profitto. La prevista rigenerazione del centro storico è anche un tentativo di cambiare l'immagine di Taranto, che nella mente di molti italiani significa solo una cosa: la presenza di un enorme acciaieria che è stata oggetto di controversie per anni.

L'Italia ha lottato per anni per portare le acciaierie di Ilva a standard ambientali accettabili e le emissioni tossiche dal sito sono accusate di avvelenamento della popolazione locale. Ci sono piani per contenere il peggio dell'inquinamento entro il 2024 ma richiederà investimenti. Per ora, non vi è motivo di chiuderla: la fabbrica di acciaio impiega oltre 8.000 persone in una città con un alto tasso di disoccupazione. A novembre ArcelorMittal, l'acciaieria indiana, ha concluso un accordo per acquistare l'impianto, ma i negoziati con il governo sono tornati indietro.

L'idea di acquisire una casa - e possibilmente una nuova vita - in Italia per € 1 si è dimostrata così allettante che ora ci sono siti web che elencano i borghi e le città collinari che hanno aderito all'iniziativa. L'idea è stata aperta dalla città di Gangi, famosa cittadina in Sicilia, nel 2011, dove il sindaco afferma che sono stati restaurati più di 150 edifici e l'arrivo di nuovi arrivati ​​ha dato nuova vita al luogo. Alcuni luoghi hanno fatto un ulteriore passo avanti, offrendo non solo case economiche ma anche bonus per bambini per le giovani coppie che si stabiliscono e hanno figli.

Clicca qui per leggere l’articolo originale

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Bari-Virtus Francavilla: Dirige Ermanno Feliciani di Teramo