Tennis: Thomas Fabbiano incorona Sinner, ‘È il Djokovic del futuro’

Il tennista di San Giorgio Jonico racconta l’astro nascente italiano con cui si è allenato in passato

TENNIS
04.04.2021 17:06

Leggi Sinner e pensi a Djokovic. Anzi, c'è di più: "Jannik assomiglia al serbo, ma con una velocità di palla che rispecchia il tennis del futuro". Ne è convinto Thomas Fabbiano, ex numero 70, in passato compagno di allenamenti di Sinner per molto tempo sotto l'occhio attento del loro allenatore Riccardo Piatti. Vi siete allenati per molto tempo insieme, si aspettava di vederlo così in alto? "Sinceramente sì, non mi aspettavo che potesse fare una scalata così veloce, ma immaginavo che avesse tutte le carte per diventare un giocatore di altissimo livello". Ci racconta un aneddoto durante i vostri allenamenti insieme? "Nel 2018 ho fatto la preparazione invernale a Bordighera insieme a lui e un giorno abbiamo fatto un set di allenamento: ho vinto 6-4, ma rosicavo perché avevo lottato così duramente con un ragazzino di 17 anni. Qualche mese più tardi ho capito la forza di quel ragazzo. Abbiamo un bel rapporto e quando lo incontrerò gli farò sicuramente i complimenti per il risultato di Miami, indipendentemente da come andrà a finire. Lo reputo un bravissimo ragazzo". C'è chi dice che sia il giovane italiano più forte di sempre. "Fino a qualche tempo fa poteva essere una cosa soggettiva, ora inizia a esserci poco da discutere. I risultati parlano chiaro". Qual è il suo punto di forza? "Oltre alla facilità nel colpire la palla, credo siano soprattutto due: la mentalità con la quale affronta tutte le tappe del percorso e il team che c'è dietro di lui, che durante il processo lo ha fatto sbagliare il meno possibile e gli ha dato e fatto sviluppare tutti gli elementi di cui avrà bisogno in futuro". E la caratteristica che deve ancora migliorare? "La cosa più bella è che, per sua fortuna e degli italiani, ha grossi margini di miglioramento in tutto: dal servizio al gioco di volo, passando dalla crescita dal punto di vista fisico". A che livello può arrivare? "Nessuno lo può dire per certo, ma non credo gli si possa precludere qualsiasi traguardo. È giusto che tutti noi e lui, per primo, ce lo immaginiamo ad alzare i trofei più importanti". A chi assomiglia? "A Novak Djokovic ma con una velocità di palla che rispecchia il tennis del futuro". (Da calciomercato.com)

Commenti

Nuoto: Benedetta Pilato, ‘Comincio a prendere confidenza anche nei 100’
Siamo un po' tutti Tommaso Niccolò D’Aquino…