CRONACA

Coronavirus: Emiliano Precisa, ‘Sanità pugliese e italiana non hanno bisogno di soldi’

Il governatore della Puglia: ‘Utilizzeremo le donazioni per aumentare la nostra capacità di lottare contro l’epidemia‘

Comunicato stampa
11.03.2020 20:26


"Un certo numero di persone male informate hanno pensato che la Regione Puglia, di sua iniziativa, abbia indicato l’Iban per “chiedere l’elemosina” in mancanza di soldi per gestire l’emergenza - scrive su Facebook Michele Emiliano, governatore della Puglia -. Le sanità pugliese e italiana non hanno bisogno di elemosina. Quella pugliese è stata completamente risanata ed è cresciuta nel livelli essenziali di assistenza più di ogni altra Regione italiana. Abbiano i soldi necessari a garantire anche questo momento di gravissima emergenza. Ma in queste ore, in tutta Italia a cominciare dalla Lombardia (che certo non ha problemi di risorse) gruppi di cittadini si sono attivati spontaneamente per fare donazioni e hanno chiesto su quale iban potessero fare i versamenti. Noi abbiamo sentito il dovere di rigraziare queste persone e di consentire loro di fare i versamenti. Investiremo questo danaro per aumentare la nostra capacità di lottare contro l’epidemia. Tutte le invettive che ho letto nel post precedente sono dunque fuori luogo. Ho il telefono pieno di messaggi di cittadini, di imprese, che ieri mi pressavano perchè indicassimo l’iban che oggi abbiamo pubblicato. Per fortuna la stragrande parte degli italiani non stimano o disistimano sulla base di appartenenze politiche, peraltro oggi liquefatte, ma per fortuna sulla base dei fatti e delle azioni che ciascuno di noi pone in essere. Molti pugliesi, anche dal resto di Italia e del Mondo, vogliono combattere al fianco delle loro istitutuzioni a prescindere dalle opinioni politiche. E queste persone da oggi, come hanno pressantemente chiesto, hanno il numero del conto corrente della Regione Puglia dove depositare le loro donazioni senza affidarsi a comitati o ad iniziative prive di controllo pubblico e di trasparenza. Tanto mi è stato chiesto e tanto ho fatto. Riprendiamo lo stile sobrio e solidale dinquesti giorni ed evitiamo polemiche. Anche per alimentare qualcosa di più grande di ciascuno di noi, l’amore per il prossimo e per l’Italia, dalla Lombardia alla Sicilia. Siamo tutti e solo meravigliosi esseri umani".

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Coronavirus: Positivo un tarantino che lavora a Massafra