ALTRI SPORT

F1: Il 2020 di Antonio Giovinazzi, ‘Sarà un anno importante per me’

Il pilota di Martina Franca: ‘Disputando una stagione positiva, si aprirebbero nuovi scenari’

31.12.2019 01:19


Antonio Giovinazzi ha riportato l'Italia in F1 dopo 8 anni di astinenza. A credere in lui ci ha pensato l'Alfa Romeo Racing che gli ha offerto l'opportunità di mostrare le sue qualità nella massima espressione del motorsport. L'avvio di stagione per il pilota di Martina Franca non è stato dei più felici. Complice la ruggine che si portava addosso dovuta ai due anni di inattività in F1 Antonio, a,inizio campionato,ha perso più volte il confronto diretto con il proprio compagno di team, il più navigato Kimi Raikkonen. Le indubbie qualità di Giovinazzi però sono venute fuori alla distanza con una seconda parte di mondiale di grandissimo spessore arricchita dalla perla del 5° posto ottenuto in Brasile. Le prestazioni del pugliese gli hanno garantito la riconferma nel team, che nel 2020 punta più che mai su di lui per lottare per qualcosa di importante.

BILANCIO "Più che sufficiente nella seconda parte di stagione, nella prima ho faticato perché venivo da due anni di inattività quindi non è stato facilissimo tornare in pista - ha spiegato a Motorsport.com -. In questa F1 tutti i piloti hanno il coltello tra i denti, quindi ho faticato un po' soprattutto nel passo e nella gestione della gara. In qualifica sono sempre stato abbastanza vicino a Kimi, ma in gara cambiava tutto. Dopo la pausa estiva sono stato molte volte davanti a Kimi risultando sempre competitivo. Sono andato a punti a Monza, a Spa era stata una gara positiva sino all'ultimo giro, anche a Singapore è andata bene, mentre a San Paolo è arrivato il miglior risultato della stagione con il 5° posto. È stata una stagione difficile, ma alla fine positiva. Ho imparato tantissimo dagli errori e con un anno di esperienza alle spalle partirò sicuramente più pronto”.

OBIETTIVO 2020 Sarà un anno importantissimo, non posso negarlo. Alla fine del 2020 ci sarà un bel mercato perché la maggior parte dei piloti è a fine contratto. So benissimo che se disputerò una stagione positiva potrà succedere qualsiasi cosa l'anno prossimo, quindi l'obiettivo ora è quello di continuare così come ho concluso la passata annata, cercare di migliorare sempre di più e poi a fine 2020 vedremo cosa accadrà.

 

Tennis: Il 2020 di Thomas Fabbiano, ‘Voglio vincere un torneo Atp’
Cultura: La Via Petrina, sei mesi di studi e attività