TARANTO

Gelbison: Uliano, 'Attenzione agli attaccanti del Taranto'

Il capitano dei campani a Blunote: 'Limitiamo i calciatori più importanti della rosa ionica'

Alessio Petralla
02.11.2019 12:40

Una partenza più che positiva quella della Gelbison che si sta rivelando una tra le note liete di questo primo scorcio di campionato. Domenica arriva il forte Taranto e a presentare l’incontro, a Blunote, tracciando un bilancio sulla sua squadra, è il capitano, da tre anni a Vallo della Lucania, Francesco Uliano: “Siamo contenti per la partenza in campionato ma sappiamo che ci sono ostacoli duri da affrontare come è successo con il Cerignola. Tra questi domenica sfideremo il Taranto. Abbiamo dimostrato di non avere paura di nessuno e di affrontare tutti con il piglio giusto”.

LA SETTIMANA: “Stiamo bene e abbiamo preparato la partita di domenica come facciamo sempre, vale a dire con grande concentrazione”.

IL TARANTO: “E’ senza dubbio una formazione blasonata che ogni anno allestisce una rosa per puntare al vertice della classifica. Non sono partiti benissimo ma non ci fidiamo visti gli ottimi calciatori che giocano in riva allo Ionio. Molti li conosciamo: li possono giocare soltanto atleti importanti. Gara tosta”.

LA GARA: “Dobbiamo limitare i loro calciatori più importanti che sono tanti. Servirà una partita attenta in cui dovremo sbagliare meno del solito. Sono pericolosi in avanti: dovremo concedere pochissimo”.

LE INSIDIE: “Sportivamente parlando temiamo tutto degli ionici: dal portiere all’ultima delle riserve. Non ci preoccupano i singoli ma il collettivo”.

IL CAMPIONATO: “E’ un girone strano in cui non vedo una vera e propria ammazza-campionato. L’anno scorso le grandi non lasciavano punti mentre quest’anno le ultime della classe possono fermare le big. Ogni squadra, in ogni match, mette tutto tanto che si sono già visti parecchi risultati a sorpresa. E’ un raggruppamento particolare rispetto agli altri”.

Si ringraziano:

Pronostici: Gambuzza, 'Sono convinto che Panarelli farà ancora bene'
Brindisi: Olivieri, 'Del mio futuro non m'interessa’