Taranto: La raccolta differenziata arriva in altre zone della città

Con il posizionamento dei nuovi ingegnerizzati, ecco le indicazioni di Kyma Ambiente

CRONACA
04.03.2022 23:53

Continua l’installazione dei nuovi cassonetti ingegnerizzati per la raccolta differenziata a Taranto. I contenitori, composti per il 40% da plastica riciclata e, una volta esaurito il loro ciclo vitale, riciclabili al 100%, sono già a disposizione di molte utenze cittadine.

In questi giorni sui vecchi contenitori è stato applicato un avviso che annuncia la rimozione e la sostituzione con quelli nuovi. Sono quasi 20, attualmente, le postazioni attive, ognuna composta da ingegnerizzati per le diverse frazioni della differenziata a Taranto: giallo per il multimateriale (carta, cartone, plastica, metallo), verde per il vetro, marrone per l’organico (scarti di cibo) e grigio per il secco residuo (i materiali che non si possono differenziare). Tra le strade interessate, via Leonida, via Messapia, viale Virgilio, via Sorcinelli, piazza Medaglie d’Oro. E nuove postazioni saranno installate.

Kyma Ambiente si rivolge ai cittadini che per la prima volta avranno a che fare con la raccolta differenziata, ribadendo poche e semplici indicazioni:

Orario di conferimento rifiuti. I nuovi cassonetti sono posizionati nei quartieri dove non vige il sistema porta a porta. Pertanto è possibile conferire i rifiuti tutti i giorni, ma sempre negli orari serali (dalle ore 17:00 in poi). Ricordiamo che è assolutamente vietato conferire rifiuti al mattino.

Buste da utilizzare. Come da ordinanza sindacale, è vietato utilizzare bustoni di colore nero per conferire rifiuti. Si possono utilizzare buste trasparenti compostabili e per la sola frazione del vetro non si possono utilizzare buste. Quindi il proprio sacchetto contenente rifiuti di vetro va svuotato all’interno del cassonetto.

Sistema di apertura. Attualmente, in questa fase iniziale, i portelloni sono apribili senza scheda, ma a breve verrà attivato il sistema di apertura solo dopo il riconoscimento dell’utente. Ogni contenitore infatti è alimentato con un pannello fotovoltaico ed è dotato di un display che consente l’identificazione del cittadino, attraverso la scheda magnetica in dotazione alle utenze coperte da raccolta differenziata. In caso di cassonetto pieno, il sistema impedirà l’apertura e quindi il conferimento ulteriore di rifiuti.

Scheda di apertura dei cassonetti. Per chi non è in possesso della scheda con il marchio “Araccolta”, e risiede nei pressi dei nuovi ingegnerizzati, è possibile ritirarla presso l’Isola Ecologica “Borgo” in via Crispi presentando la propria tessera sanitaria. L’isola ecologica è aperta il lunedì, martedì, giovedì e sabato dalle 7:30 alle 13. Il mercoledì e il venerdì dalle 12:30 alle 18.

«Stiamo procedendo facendo avanzare la raccolta differenziata negli altri quartieri di Taranto fino ad ora non serviti» commenta il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli. «Chiediamo la collaborazione di tutti, perché è necessario adeguarsi a questa vera e propria rivoluzione per la nostra città. L’unica strada da percorrere è il rispetto delle regole, unito al dialogo con i cittadini. Ci vorrà tempo, come per ogni grande cambiamento, e Taranto deve essere al passo con le altre città italiane. Seguire le prime indicazioni, come gli orari di conferimento, aiuterebbe di molto il lavoro di tutti e l’intero ciclo di raccolta differenziata. Siamo certi che solo insieme si possono raggiungere i risultati sperati». (CS)

Proteggi la tua auto/moto 🚕 🏍 e risparmia fino al 65%
Futsal A/F: Un sabato bestiale per il Real Statte