TARANTO

Taranto: Montervino chiude il mercato, ‘Stiamo bene così’

Ds: ‘L’attaccante da doppia cifra ce l’abbiamo in casa ed è Stracqualursi. Non sottovalutate Serafino’

08.10.2020 21:07

Francesco Montervino, direttore sportivo del Taranto
SERVE UN BOMBER "La preoccupazione, giustamente, dei tifosi è l'attaccante da doppia cifra. Il Taranto ha in squadra questo calciatore, si chiama Stracqualursi. Stiamo cercando di affrettare i tempi e lui ce la sta mettendo tutta: da quando è con noi ha perso 8 chili, anche se non è ancora in condizione e nella sfida con il Bitonto ce ne siamo accorti. Qualora dovessimo constatare che Denis non è l'attaccante giusto, allora ci impegneremo a cercarne uno all'altezza, ma sono convinto che non deluderà".

CAMPIONATO "Casarano e Lavello hanno speso più della altre, ma il Picerno, per organico e qualità, è la più forte e completa di tutte. Da tenere d'occhio anche la Team Altamura, oltre ovviamente a Brindisi e Fidelis Andria. Insomma, un campionato che si preannuncia molto equilibrato".

FALCONE "Anche lui è in ritardo di condizione, quando starà bene sarà un valore aggiunto per le sue qualità".

MARRAZZO "È un ragazzo che conosco benissimo e che seguo da tempo. Con il suo ingaggio andiamo a completare la batteria dei 2002".

SERAFINO RISORSA "Devo fare i complimenti a Serafino perché sin dal ritiro si è allenato al massimo, con una marcia in più. Le due presenze da titolare non sono casuali, se l'è meritate sul campo. Chiaramente deve migliorare nei fondamentali, ma è un calciatore che riesce a fare reparto da solo, non si spaventa difronte ad avversari con più esperienza e non ha paura di prendersi le responsabilità che pesano sulle spalle di un attaccante. Quindi, non guardiamolo solo come un ragazzo della Juniores, ma come una risorsa. È chiaro che il Taranto non può contare solo su Serafino, ha bisogno anche delle prestazioni di Alfageme e Stracqualursi: soprattutto quest'ultimo, che abbiamo fortemente voluto, ha bisogno di un po' di tempo per tornare in forma".

PUTEOLANA "È la peggiore partita che potesse capitarci in questo momento. Non è una frase fatta, ma dopo aver affrontato Picerno e Bitonto può capitare un calo di concentrazione. Bisogna prepararsi in maniera certosina perchè sarà una gara molto complicata, che nasconde delle insidie. Giocare sull'erba sintetica del "Giraud" potrebbe essere un piccolo vantaggio per noi, ma è necessario approcciare nel modo giusto senza lasciare nulla al caso".

PROSSIMO TURNO "La sfida più stuzzicante è quella tra Picerno e Altamura: la squadra lucana, a mio avviso, è la più forte del Girone H per la qualità dell'organico, mentre la compagine murgiana ha elementi validi e di categoria. Chiaramente, sono curioso di vedere come se la caverà il Casarano a Fasano". (Dichiarazioni rilasciate durante la trasmissione "Sotto l'incrocio", in onda sulla pagina Facebook Due Mari Tv)

D/H: FBC Gravina, tesserato un difensore spagnolo
Economia: Micro pagamenti con carte, zero commissioni fino a 5 euro