Tiro a volo: Il tarantino De Filippis oro in Coppa del Mondo

Nell’ultimo appuntamento prima di Tokyo, trionfa a Osijek in coppia con ex moglie Jessica Rossi

ALTRI SPORT
02.07.2021 18:53

Separati nella vita, ma vincenti sulle pedane del tiro a volo. Sono i poliziotti Jessica Rossi, che sarà portabandiera dell'Italia ai Giochi di Tokyo assieme al ciclista Elia Viviani, e Mauro De Filippis, che hanno vinto la gara di Mixed Team della 'tappa' di Coppa del Mondo a Osijek. I due già durante la presentazione della squadra olimpica al Salone d'Onore del Coni avevano chiarito di non avere problemi nel gareggiare insieme, nonostante le vicende personali, e hanno mantenuto la parola nel migliore dei modi, ovvero vincendo la prova di Coppa in Croazia. Lo hanno fatto con il punteggio di 40/50 in finale (condizionata dalle forti raffiche di vento), davanti ai russi Daria Semianova-Alexey Alipov che hanno ottenuto 39/50. Terzo posto per i tedeschi Bettina Valdorf e Paul Pigrosh. Al 12/o posto l'altra coppia azzurra composta da Silvana Stanco e Massimo Fabbrizi. Molto soddisfatti la Rossi e De Filippis, che al termine della gara si sono salutati con un cordiale tocco di pugno e che ora sognano l'oro olimpio in coppia. "Sono contentissimo perché era l'ultima occasione, prima di Tokyo, per fare un test in una gara internazionale ed è andata bene - il commento di De Filippis -. Ora andiamo avanti con la preparazione per l'Olimpiade, continuando a lavorare con tanto impegno". "Ho fatto un'ottima gara, sia in qualificazione che in finale - ha detto invece Jessica Rossi - contro i russi, una coppia forte e molto temibile. In finale siamo sempre stati attaccati, ma alla fine ce l'abbiamo fatta. Ho dimostrato di essere una professionista e ne sono orgogliosa E' una medaglia che certifica che stiamo lavorando nella direzione giusta. Ora una brevissima pausa per ricaricare le batterie e poi di nuovo a testa bassa per lavorare per Tokyo". (ANSA)

Commenti

Risparmia sulla tua assicurazione auto/moto 🚗💰🛵🏍 con Magna Grecia Broker
Europei, l’Italia allo scoglio Belgio: riuscirà ad arrivare fino in fondo?