CRONACA

Coronavirus: ‘Dal 12 agosto non ci saranno più contagi in Italia’

Uno studio di Singapore prevede la fine dell'epidemia nei singoli paesi

22.05.2020 23:52


C'è uno studio di un'università di Singapore che ha previsto la data esatta in cui tutti paesi del mondo saranno finalmente liberi dal coronavirus. Nonostante i 5 milioni di infettati in tutto il mondo e l'enorme numero di morti fin qui registrati, c'è la speranza - anzi la certezza - che questo nemico invisibile verrà sconfitto in tempo piuttosto brevi. Anche prima del vaccino. Stando a quanto riportato dagli scienziati dell'Università di Tecnologia di Singapore, infatti, la fine della pandemia può essere calcolata in termini matematici, analizzando le curve di contagio dei paesi interessati in modo più massiccio al virus. Sia chiaro, sono delle stime. Ma le previsioni sono molto accurate e credibili.

Ecco quando non ci saranno più contagi in Italia Se per alcuni paesi la fine dei contagi sarà a luglio, per altri si dovrà aspettare un po' di più. Ma tutti ne usciranno. Il modello studiato a Singapore prevede che la crisi di Covid-19 potrebbe concludersi nel Regno Unito il prossimo 30 settembre mentre negli Stati Uniti i titoli di coda appariranno l'11 novembre. L'Italia dovrà aspettare molto meno: secondo i dati il nostro paese si sbarazzerà del virus il 12 agosto, quasi un mese più tardi di Singapore che vedrà finalmente il numero zero sui contagi il 19 luglio.

"Previsione attendibile a meno di comportamenti irresponsabili" "Le previsioni sono incerte per natura", hanno rivelato gli scienziati che hanno portato avanti il modello. "Queste previsioni vanno prese con la massima cautela perché non contemplano l'eventualità che possano esserci delle nuove ondate. L'eccessivo ottimismo può essere pericoloso perché può allentare l'attenzione dei cittadini e dei controlli dei vari paesi e quindi causare un nuovo aumento della curva dei contagi. Una cosa, questa, da evitare assolutamente".

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Cinema: Il britannico Guardian celebra Oronzo Canà, ‘Film d’avanguardia’