Taranto: Melucci, ‘Svolta epocale nelle scuole medie tarantine’

Didattica digitale con il progetto ‘@ula 3.0º’

Cultura, musica e spettacolo
19.04.2021 14:51

L’ambizioso piano di digitalizzazione delle scuole medie comunali, varato dall’amministrazione Melucci, prende forma con l’arrivo dei primi tablet nelle mani degli alunni della scuola “Dante”. Il plesso, che fa capo all’istituto comprensivo “Europa – Alighieri” diretto da Marco Cesario, è il primo a ricevere la dotazione prevista dal progetto “@ula 3.0”, un investimento da 1 milione di euro finalizzato a dotare tutte le aule delle scuole secondarie di primo grado (sono 287, in totale) di monitor interattivi, software didattici, tablet e armadietti per ricaricare in sicurezza i dispositivi. Una sperimentazione che rende Taranto un riferimento per le innovazioni che riguarderanno la didattica nei prossimi anni. È stato proprio il primo cittadino Rinaldo Melucci a consegnare i dispositivi che permetteranno agli alunni di vivere un’esperienza didattica del tutto innovativa, dove lezione e studio individuale cambiano forma senza derogare al rapporto studente/docente. «Con questo piano, che avevamo ulteriormente definito con i dirigenti scolastici sul finire del 2020 – le parole del sindaco –, facciamo un salto di qualità nella didattica digitale. Non siamo ancora usciti dalla pandemia, ma volevamo comunque testimoniare la nostra vicinanza a studenti, docenti e personale tecnico attrezzando simbolicamente la prima aula. Contiamo nel giro di un paio di mesi di completare tutte le scuole coinvolte, inaugurando il prossimo anno scolastico all’insegna dell’innovazione: pur mettendoci alle spalle la DAD, infatti, qualcosa di quel modello dovremo preservarla. Grazie all’assessore Deborah Cinquepalmi e al dirigente Paolo Spano, quindi, per il lavoro complesso che è stato svolto con questo investimento, che rende Taranto un caso unico nell’Italia centromeridionale». (CS)

Commenti

Precarietà: Leone, ‘Un nemico del popolo, servono nuove basi’
Ippica: Femmine di 3 anni protagoniste all’ippodromo Paolo VI di Taranto