CRONACA

Martina Franca: ‘Sicurezza percepita’, controllo straordinario del territorio

Comunicato stampa
07.03.2020 15:38

Proseguono i servizi finalizzati a rafforzare il concetto di “sicurezza percepita” da parte della Compagnia Carabinieri di Martina Franca. 3 arresti, 3 denunce in stato di libertà, 1 persona segnalata per uso di stupefacenti, 2 autovetture sequestrate e 2 patenti ritirate  sono il risultato di un servizio straordinario di controllo del territorio effettuato nel comune della valle d’Itria. Al dispositivo hanno preso parte pattuglie della Sezione Radiomobile, delle Stazioni di Martina Franca, Grottaglie, San Giorgio Jonico e Montemesola nonché pattuglie della Sezione Operativa in abiti civili. I militari, nel corso di tale attività, in esecuzione di provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria, hanno tratto in arresto:

- un 52enne riconosciuto colpevole di estorsione;

- un 33enne responsabile di violazione di domicilio e violenza privata;

- un 45enne al quale gli sono stati revocati i benefici di legge poiché più volte sorpreso a violare le prescrizioni.

Nel medesimo contesto 3 persone sono state denunciate in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria del capoluogo jonico poiché responsabili di diversi reati: 1 per lesioni personali, 1 per aver posto in circolazione un autoveicolo già sottoposto a sequestro ed 1 per essersi posta alla guida di un autoveicolo sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Inoltre, durante l’esecuzione di controlli alla circolazione stradale, sono state sequestrate 2 autovetture, ritirate 2 patenti di guida, elevate complessive 25 contravvenzioni al C.D.S. di cui 18 cosiddette “salvavita” riconducili al mancato utilizzo della cintura di sicurezza ed all’uso improprio del telefonino e sequestrati gr. 7 circa di hashish. Lo stupefacente, opportunamente repertato, verrà analizzato dai militari del L.A.S.S. del Reparto Operativo del Comando provinciale Carabinieri di Taranto.

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Confartigianato: ‘Sostegno economico per imprese in difficoltà a causa del coronavirus’