Calcio Varie

Coronavirus: Nicchi, ‘Arbitri pronti a ripartire, ma non a rischiare la vita'

Il presidente Aia: ‘Serviranno garanzie per tutti, anche per noi’

29.03.2020 22:31

Marcello Nicchi, presidente associazione italiana arbitri
"Nella drammaticità del momento continuiamo a lavorare sulla ripartenza, ma il quando non dipende da noi. Noi siamo pronti a riaccendere il motore ma certo non possiamo mandare gli arbitri allo sbaraglio a rischiare la vita. Servono garanzie per tutti, anche per noi": lo dice Marcello Nicchi, presidente dall'Associazione italiana arbitri, parlando dello stop dei campionati per l'emergenza coronavirus e delle ipotesi di ripresa. "Io credo che prima di parlare di sensazioni e prospettive a breve lungo termine bisogna guardare al presente e alla battaglia che stiamo combattendo contro il coronavirus. Gli arbitri sono persone di regole, come sempre rispetteremo le disposizioni governative e della Federazione", ha aggiunto Nicchi, a RadioSportiva. "I motori al momento sono fermi - ha aggiunto parlando della 'preparazione' - , poi ognuno a casa fa quello che si sente. Noi però siamo pronti, nonostante il momento di grande difficoltà. Vogliamo essere protagonisti della ricostruzione". (ANSA)

Coronavirus: Grottaglie, altre 2500 mascherina dall’associazione Medici per San Ciro
Coronavirus: Spadafora, ‘Irrealistico che il calcio possa ripartire il 3 maggio’