Cultura, musica e spettacolo

Eventi: Dal 28 al 30 agosto torna il Festival dei Sensi in Valle d’Itria

Safari culturale che per primo ha aperto al pubblico i luoghi più belli e sconosciuti

Comunicato stampa
23.07.2020 18:23


Torna dal 28 al 30 agosto il Festival dei sensi, la manifestazione che per un  week end intero animerà con lezioni di altissima qualità, argomenti inattesi, mostre speciali e conversazioni sorprendenti la mitica valle dei trulli. Le emozioni sono al centro di questa nuova edizione
Un safari culturale – nelle parole di chi lo ha ideato, Milly Semeraro - che per primo ha aperto al pubblico i luoghi più belli e sconosciuti di quell’angolo di Puglia, da Martina Franca a Cisternino, alla scoperta di autentici gioielli che sarebbero altrimenti rimasti segreti. “Non basterebbe una pagina per elencare le scoperte di questi anni – prosegue la curatrice - dalle dimore principesche alle antiche cave dismesse, dai ponti ai trulli diroccati. Senza mai tradirli, questi luoghi, senza camuffarli, mostrandoli per quello che sono”. Ma le scoperte non si esauriscono qui, al Festival dei Sensi idee e temi lontani dagli usuali approcci accademici, esperti di fama internazionale e talvolta anche persone semplici, daranno vita a un programma fuori dal comune, a una manifestazione pensata per persone curiose del mondo, amanti della cultura e appassionate di paesaggio: una comunità sempre più numerosa proveniente da tutta Italia che ogni anno a fine agosto si ritrova in Valle d’Itria. Si comincia il 28 agosto con l'inaugurazione, quando il Festival tornerà alla Masseria San Paolo di Martina Franca, luogo dalla bellezza intatta, dove si potranno ammirare al pascolo alcuni tra i più splendidi cavalli murgesi di tutta la Puglia. Ad attendere il pubblico un programma intrigante con il quale, anche in questa edizione, si confronteranno nomi di altissimo prestigio. E già l’immagine di copertina, che più scherzosa non si potrebbe, lancia un messaggio: al Festival dei Sensi si gira al largo dal melodramma. Così, l’unico cuore si potrà avvistare in un appuntamento che verte sulle relazioni tra le persone e i robot -Cuore matto, matto da legare- dove anziché Little Tony, troverete il sociologo Derrick De Kerckhove, eminente allievo di Marshall Mac Luhan, in compagnia di Edoardo Fleischner, spumeggiante analista multimediale. Oltre ai ragionamenti sul futuro e sulle emozioni artificiali ci saranno naturalmente anche quelli sulle emozioni “sempre attuali”, come l’agognata Felicità, con Paolo Legrenzi, professore emerito di psicologia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, che suggerirà anche dei modi per avvicinarsi al mitico obiettivo. Non mancherà il gioco della seduzione e dei segnali estetici nel mondo animale, con Giorgio Vallortigara, un pioniere della neuroscienza italiana. Poi una parola senza tempo, Bambini, raccontata da un maestro come Alberto Oliverioemerito di psicobiologia che insegna la stessa materia nell'Università di Roma La Sapienza. Si scopriranno anche le emozioni degli altri, e l’antropologo Adriano Favole partirà dall’Oceania per arrivare fino ai riti funebri in streaming e all’iconico smiley, simbolo incontrastato degli emoticon contemporanei. Un architetto giardiniere autorevole come Antonio Perazzi, noto anche per i libri e le molte rubriche –una forte confidenza con la penna è quasi naturale quando si è nipoti di Oriana Fallaci-, propugnatore di una filosofia che vuole i giardini ecologicamente integrati nell’ambiente che li circonda, progettati in modo da richiedere un consumo minimo di risorse e di manutenzione. E poiché dall’architettura al paesaggio il passo è breve, Mario Cucinella, noto per il suo impegno nell’architettura sostenibile -e autore del primo progetto del genere, realizzato per la prima volta in Italia più di vent’anni fa- interrogato dal critico Manuel Orazi, dirà la sua sulla Città emozionale. Il Festival dei Sensi è anche l’opportunità di incontrare personalità fuori dal comune, come Franco Toselli: cinquant’anni di ininterrotta, poetica esplorazione nei territori dell’arte contemporanea. Un percorso che lo porta a muoversi in spazi espositivi dalle caratteristiche ambientali mutevoli, dove si avvicendano gli artisti più rappresentativi del panorama internazionale. Toselli ha realizzato mostre memorabili, prendendo parte alle avventure dei maggiori movimenti: idee, lavoro, sogni, in una intensa conversazione con la storica dell'arte Angela Vettese, autorità in materia. In questo anno emotivo, torna a far capolino nel programma del Festival anche il teatro, con un doppio sguardo: la grande tradizione napoletana di Isa Danieli, una vita con le vele ampiamente spiegate al teatro di Eduardo, al cinema della Wertmuller, e perfino al mega sceneggiato Un posto al sole, continua imperterrita –e assegnataria per ben tre volte del premio Ubu- a solcare tutti i mari del palcoscenico; e poi il mitico Teatro dell’Elfo, tra i punti di riferimento della cultura milanese, impersonato da Elio De Capitani e Cristina Crippa. La conversazione, dal giusto titolo Ragione e sentimento, sarà condotta dal filosofo Armando Massarenti“Non è un festival che cerca il consenso facile, ed è il suo bello - dice ancora Milly Semeraro - indipendente e spartano”. Nessuna sorpresa quindi, se la rassegna proporrà un tema che più contemporaneo di così non si potrebbe: Le emozioni della politica. La politica delle emozioniElsa Fornero dialogherà con Francesco MerloIl festival, inoltre, inaugurerà a Martina Franca, nel Palazzo Ducale, il 28 agosto la mostra Puglia 1900 – 1950Lo sguardo del Touring Club Italiano. 55 Fotografie provenienti dall’archivio Touring Club Italiano, gran parte delle quali inedite, oltre a curiosità d'epoca. La mostra, aperta solo per un mese, chioserà le Giornate Europee del Patrimonio, dedicate quest'anno alla formazione continua veicolata attraverso il patrimonio culturale e materiale, immateriale e digitale. Saline, trulli, piazze, ulivi, chiese, facce che non si dimenticano. Il Festival dei sensi ha il patrocinio della Regione Puglia, dei comuni di Martina Franca, Locorotondo e Cisternino, della Città Metropolitana di Bari e del FAI. Biglietti: si consiglia l’acquisto in prevendita nel mese di agosto presso i rivenditori, anche se in ogni sede del Festival sarà possibile acquistarli. Come sempre, alcuni appuntamenti sono a numero chiuso e in generale è preferibile arrivare sul posto con anticipo. Per norme anti-covid è necessario recarsi agli eventi con l'apposita autodichiarazione già stampata e firmata: potrete chiederla ai rivenditori o scaricarla dal sito. Tutte le info su www.festivaldeisensi.it

Taranto: Kyma servizi Infrataras, sopralluogo alla scuola Galilei
Ostuni: Riapre al pubblico Ufficio Informazioni Turistiche