MARTINA, Pres. Lacarbonara: "Voglio vincere il campionato"

Michele Lillo
03.09.2016 19:35

Discontinuità con il passato, progetto giovane, politica del fare senza esibizionismi: queste le parole chiave della presentazione avvenuta sabato mattina presso Masseria Madonna dell’Arco del nuovo Martina che ripartirà (manca solo l’ufficialità) dalla Prima Categoria. Un Martina che riparte dai tifosi, da componenti del Gruppo Kompatto che per ‘amore della città’ lasciano i gradoni della Curva Nord per iniziare un percorso virtuoso che non toccherà solo il campo ma anche l’intera città attraverso iniziative che coinvolgano nuovamente tifosi e appassionati della gloriosa maglia biancoazzurra. Nuovo corso, nuovo presidente: si tratta dell’imprenditore-tifoso Piero Lacarbonara. Visibilmente emozionato nel suo primo intervento pubblico, Lacarbonara ha solo sfiorato la parabola discendente dell’era Muschio-Petrosino appena conclusasi mirando in modo diretto a quello che dovrà essere il modus operandi del futuro prossimo: “Abbiamo ormai metabolizzato la scomparsa del calcio professionistico e ora l’unico nostro intento è ripartire dal basso, cosa che sappiamo bene sarà tutt’altro che semplice. Lo faremo, però, con le idee molto chiare e con un gruppo giovane e professionale, composto da elementi validi e martinesi, tralasciando il passato ed evitando l’eroismo dei singoli per concentrarci su un’organizzazione valida e che coinvolga tutta la città”. La delusione per quanto accaduto a inizio estate resta palpabile ma si trasforma in energia positiva per creare un progetto che possa resistere nel tempo: “E’ stato difficile spiegare a mia figlia che il Martina non c’era più, era sparito. Ora però dobbiamo riprenderci la nostra storia e la squadra che stiamo componendo deve puntare a vincere il campionato. E’ un obiettivo che, senza presunzione, rispecchia quello che questa città può ottenere con le sue forze, seppure siamo convinti che ci saranno difficoltà da affrontare per raggiungere il vertice. In questo percorso sono convinto che la città sarà accanto a noi in quanto – sottolinea Lacarbonara – abbiamo già tante attestazioni di stima”. Un nuovo impegno non solo sportivo ma anche economico sul quale il nuovo presidente è chiaro, zittendo subito le prime voci in città di un possibile connubio o aiuto esterno con della vecchia gestione: “Dietro di noi non c’è nessuno, ci siamo noi ad assicurare un presente anche economicamente garantito. Per il futuro siamo convinti di dover dimostrare sul campo quello che sappiamo fare, anche attraverso un progetto di marketing che coinvolga la città. Ci teniamo a creare una nuova cultura sportiva, a riportare attaccamento a questi colori, il tutto attraverso la trasparenza. In futuro – chiarisce il nuovo presidente – non dovrà accadere che le difficoltà passino inosservate. Noi non abbiamo bisogno di fare carriera come direttori generali perché facciamo altro nella vita ma vogliamo costruire basi solide per il futuro del calcio martinese”.

©Blunote.it – RIPRODUZIONE RISERVATA 

Commenti

Virtus: Calabro, `Guai pensare a Catanzaro allo sbando`
MARTINA - Il nuovo organigramma societario e tecnico