Serie D

Brindisi: Boccadamo, 'Domenica avevamo tutti una gran voglia'

Il terzino: 'Agropoli? Troveremo una squadra arrabbiata'

Alessio Petralla
04.12.2019 15:57

Una vittoria importante quella colta dal Brindisi sul campo del Gladiator che sta permettendo ai biancoazzurri di preparare con maggiore tranquillità la sfida interna, di sabato, con l'Agropoli che il terzino Antonio Boccadamo presenta così: "Domenica ci tenevo, come tutti i miei compagni: era importante ritrovare i tre punti e la fiducia di giocare e nelle giocate. Anche io, a tratti, volevo strafare per dare un segnale dopo due gare in cui sono stato fuori. Volevo dimostare che ci sono".

UN PASSO INDIETRO: "Vincere sul campo del Gladiator sarà difficile per tutti, così come pareggiare a Sorrento. Da un punto di vista psicologico siamo più sereni ma non possiamo, assolutamente, distrarci. Rischieremmo di annullare quanto di buono siamo riusciti a fare domenica".

IL RUOLO: "Non discrimino il ruolo da terzino ma preferisco giocare a centrocampo: mi diverto molto ad attaccare pur sapendo che la fase difensiva è importantissima. Quando esordii in prima squadra giocavamo con un 3-4-3 e io giocai a centrocampo".

IL MERCATO: "Non ci penso ma mi alleno per migliorare. Ritengo che la bravura di un calciatore sta anche nel non pensare ad altro: bisogna restare concentrati sul campo, pensare all'obiettivo e sudare la maglia".

L'AGROPOLI: "Troveremo una squadra arrabbiata che non vive un periodo entusiasmante. Hanno perso con il Cerignola e verranno qui per rifarsi. Dovremo essere bravi ad arginarli. Vincendo questo match potremmo tirarci più fuori da questo periodo che sembra stia passando".

GLI OBIETTIVI: "Non siamo ne tanto fuori dai play out ma nemmeno tagliati fuori dai play off. Le prossime tre partite saranno fondamentali: l'obiettivo resta la salvezza, ma cogliendo nove punti si potrebbe pensare a qualcosa di più".

Si ringraziano:

Serie C: Lunedì 2 dicembre è iniziata la nuova edizione della Social Pro League
Futsal A2/F: Città di Taranto, Calendi festeggia la chiamata azzurra con una doppietta