Giovanili

Giovani Cryos: Sermon, ‘Orgoglioso delle iniziative della nostra società’

Il tecnico degli Esordienti 1° anno della società biancoverde: ‘I nostri ragazzi stanno dimostrando una grande maturità, il rapporto con loro è speciale’

Comunicato stampa
26.04.2020 12:22

In fondo al tunnel scavato dal covid - 19 si intravede finalmente la luce. I dati incoraggianti che arrivano negli ultimi giorni lasciano ben sperare per una ripresa graduale delle attività quotidiane e avvicinano, anche se non si ancora quanto, il ritorno sui campi degli atleti dell'Asd Giovani Cryos. "Provo un sentimento contrastante in questi giorni così complicati - confessa il tecnico degli Esordienti 1° anno Orazio Sermon - perché a livello personale vivo questo difficile momento con tristezza pensando a tutte le vittime che purtroppo hanno perso la vita a causa di questo virus e pensando ai loro familiari che hanno perso i loro cari senza poterli salutare per l'ultima vola, ma anche con speranza pensando a tutti quelli che hanno sconfitto il virus e questo ci da la forza per guardare in avanti e ci dà lo stimolo per continuare a rispettare le restrizioni che governo ci impone in questo momento e di mollare mai e rispettare le regole come siamo abituati e sono abituati a fare i nostri ragazzi  durante una partita di calcio". Un legame già forte, quello con i suoi ragazzi, si è ulteriormente rafforzato in questo periodo di lontananza forzata: "Il rapporto con i ragazzi è speciale ed è diventato più forte in questo momento di difficoltà, stanno giorno dopo giorno dimostrando una grande maturità e bisogna fargi i complimenti per come stanno affrontando questo periodo di quaratena: ci teniamo in contatto quasi quotidianamente attraverso messaggi, video e videoconferenze". La Giovani Cryos, anche a detta dei massimi vertici federali SGS della Figc, è tra le società più virtuose in ambito smartworking, avendo saputo coniugare l'utilizzo dei nuovi mezzi multimediali alle indiscusse competenze dello staff tecnico e dirigenziale: "Siamo orgogliosi di questo e di tante altre iniziative che la nostra società mette a disposizione per i ragazzi, da parte loro c'è gandissima partecipazione, inviandoci quotidianamente i  video delle esercitazioni a dimostrazione che è un'iniziativa molto apprezzata e che  hanno tanta voglia di allenarsi e ritornare al più presto a farlo con i loro compagni. A loro mando un abbraccio fortissimo, con la speranza di poterli rivedere il più presto possibile".

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Boxe: Lo sport è cultura, la sfida al tempo del coronavirus