CRONACA

Coronavirus: Lopalco, ‘Stadi non vanno aperti prima di ottobre’

Repubblica intervista l’epidemiologo di fama mondiale che guida la task force della Puglia

21.03.2020 15:03


Professore, partiamo dalla domanda più quotata in questo periodo: quando ci sarà il picco? "Due, tre giorni dopo che osserveremo scendere la curva in maniera costante potremo dire che c'è stato il picco. Non ha alcun senso oggi poter fare delle previsioni: i modelli previsionali sul Covid19 sono oggi come le previsioni del tempo. Funzionano a 24 ore, son buoni a 48 ma già dopo le 72 ore non sono più affidabili. Le variabili in gioco sono così tante che rendono impossibile una previsione che vada al di là dell'immediato. Chi lo fa o ha una sfera di cristallo o strumenti di calcolo che io non conosco".

QUANTO DURERÀ? "Non poco. Su questo bisogna essere molto chiari con la gente. Ho sentito dire cose incredibili anche a chi ha la responsabilità del ruolo: il ministro dello Sport ha dichiarato che il campionato di calcio potrebbe riprendere ai primi di maggio, "a porte aperte o a porte chiuse". Ma di che parliamo? Prima di ottobre penso sarà impossibile riavere gente allo stadio. La mia previsione è che le misure restrittive dureranno almeno fino all'estate: ci potrà e dovrà essere una mitigazioni delle misure, torneremo a lavorare, a uscire, ma si dovrà fare tutto con molta calma e cautela". Clicca qui per leggere l’intervista completa

Taranto: Il Covid 19 non placa la contestazione
Coronavirus: Grottaglie, le ultime disposizioni del sindaco D’Alò