CRONACA

Associazione Marco Pannella: ‘Hotspot Taranto, si viola ancora la legge’

‘È destinato solo a identificare migranti, non alla loro ospitalità’

Comunicato stampa
12.07.2020 14:45

L'associazione Marco Pannella è costretta a segnalare che ancora una volta l'hotspot di Taranto viene utilizzato per funzioni in violazione alla legge che ne regolamenta l'istituzione. Questi infatti sono destinati solo all'identificazione dei migranti, e non alla loro ospitalità, mancando i requisiti minimi per l'accoglienza. E invece ancora in questi giorni vengono trasferite a Taranto persone già identificate a Lampedusa. L'associazione Pannella chiede l'immediato rispetto della legge da parte delle istituzioni che la stanno violando, a partire dal Ministero dell'Interno già interrogato a riguardo dai parlamentari di Fratelli d'Italia ancora in attesa di risposta. Inoltre chiede che anche il Comune di Taranto si adoperi in tal senso, essendo la struttura parte del suo territorio. "Accoglienza, dice l'Associazione Pannella, non vuol dire far sbarcare le persone ospitandole senza servizi minimi necessari come accade all'hotspot. Altre sono le strutture per questo indicate. A ciò si aggiunge l'eventuale presenza di Covid. Se queste persone sono state già identificate si proceda immediatamente ad assegnare loro la sede che per legge ne garantisce il rispetto dei diritti umani". (Associazione Marco Pannella)

Coronavirus: 12/07, zero casi e nessun morto in Puglia
PromPuglia – Città di Mola: annunciato il nuovo allenatore