Giovanili

Diavoli Rossi: Sardella, ‘Lavorare con i piccoli è entusiasmante’

Comunicato stampa
15.04.2020 23:35


Il Coronavirus ha spiazzato tutti, anche le scuole calcio chiuse ormai da quasi due mesi. "Non potersi allenare penalizza tutti: società, calciatori, allenatori, dirigenti. Speriamo di riprendere presto riorganizzando la riapertura secondo le disposizioni del Governo", analizza Luca Sardella, preparatore dei portieri dei Diavoli Rossi.

ALLENAMENTI "Avendo a che fare con piccoli portieri, non ho preparato nulla di particolare. Ogni tecnico ha fornito un programmino da svolgere a casa che vale per tutti"

BILANCIO "I piccoli atleti sono sempre contenti, ci mettono passione ed entusiasmo. Per loro, la scuola calcio deve avere un fine ludico con un minimo di nozioni fondamentali. Sono sempre presenti e con il sorriso sulle labbra. Quello del portiere è un ruolo particolare, ma mi ritengo soddisfatto per la crescita graduale dei miei ragazzi".

SOCIETÀ "Sono super felice di far parte della famiglia Diavoli Rossi. Si è creato un gruppo di amici e questo ti permette di lavorare con piacere e serenità. Dopo ogni allenamento ci soffermiamo per chiacchierare e quindi affiatarci sempre più".

METODOLOGIE: "I miei allenamenti sono strutturati in mesocicli: inizio col cercare di inculcare le basi, vale a dire come cadere e assumere giuste posture. Poi passo ad eserci più specifici e dettagliati. E' importante che i bambini si relazionino con gli altri comprendendo gli esercizi".

RIPRESA: "Sarà lenta e graduale, bisognerà attendere qualche mese".

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Coronavirus: Taranto non si ferma e progetta gli eventi dei prossimi mesi