Taranto: Laterza 'A Fasano costruito qualcosa di importante’

Il tecnico torna per la prima volta da ex nella sua città, ‘Qui mi trovo bene’

TARANTO
Lorenzo Ruggieri
17.04.2021 13:09

Fasano: “Torno nel luogo in cui sono cresciuto e dove ho lasciato tanti amici. Le emozioni sono forti, inutile nasconderlo. A Fasano abbiamo costruito qualcosa di importante ma sono concentrato sulla gara di domani“. Atteggiamento 'Il Fasano è una squadra giovane, dinamica e ben organizzata. Sanno gestire il gioco e difendersi bene, ci aspetta una gara molto difficile. Sarà determinante prendere in mano le redini del gioco e passare subito in vantaggio, solo così potremo sfruttare gli spazi concessi dai nostri avversari. Abbiamo lavorato molto sulla rapidità di pensiero e di esecuzione, in modo da far girare velocemente il pallone“. Infermeria e rienti 'Tornano Guaita dall'infortunio e Rizzo dalla squalifica. Non recuperiamo nessun altro, compresi Marsili e Ferrara che ancora non hanno smaltito i problemi fisici. Santarpia ha bisogno di lavorare di più sotto il punto di vista aerobico e spero di recuperarlo per la prossima settimana. Corado, invece, sta svolgendo le sue terapie ed è fermo. Guastamacchia ha accusato dei crampi durante la partita di mercoledì ma è a disposizione. Siamo a fine stagione, giochiamo tanto e gli infortuni si accavallano. Nessun rischio, giocherà chi è al 100%“. Corvino e Nicolas Rizzo 'Vincenzo sta bene e domani partirà dal primo minuto. Nicolas sulla fascia è utile per creare la superiorità numerica, saltare l'uomo o rientrare sul mancino per calciare in porta. Mercoledì veniva da qualche problema fisico ma ha stretto i denti e si è sacrificato. Dobbiamo sfruttare la sua qualità e metterla in funzione del nostro progetto“. Futuro 'Qui a Taranto mi trovo bene, ringrazio la dirigenza ma ora penso solo alla partita di domani. Vedremo a fine stagione se ci saranno le condizioni per continuare insieme”.

Commenti

Fasano: Costantini, ‘Possiamo mettere in difficoltà la capolista’
Taranto: Convocati, in 4 saltano la sfida di Fasano