Serie D

Cerignola: Il club, ‘Nessun disimpegno e Feola non si discute’

La società ofantina fa chiarezza: ‘Il nostro progetto non si ferma e i numeri sono dalla parte dell’allenatore’

05.02.2020 15:03


La SSD Audace Cerignola smentisce quanto riportato nella giornata odierna a pagina 28 e 29 da un quotidiano in merito al disimpegno dell'attuale proprietà. E' doveroso, alla luce di quanto emerso tra le righe, puntualizzare  aspetti, nel rispetto della libertà di stampa, del diritto di pensiero e di parola: 

DA PAZZI DISCUTERE FEOLA Si precisa che la gestione tecnica nulla c'entra con la gestione e le questioni societarie. Questa società ha sempre fatto il suo dovere. In merito all'attuale stagione, si sa, nel calcio si vince e si perde, avremmo potuto fare di più ma è impensabile, oggi, mettere in discussione l'operato della squadra e la gestione tecnica affidata a mister Vincenzo Feola: nove vittorie, due pareggi e una sconfitta rappresentano numeri che si commentano da soli e che stando alle ultime dodici giornate piazzerebbero l'Audace Cerignola in prima posizione. Più opportuno, giornalisticamente parlando, sarebbe stato ripercorrere pedissequamente l'andamento complessivo stagionale che, fatti e numeri alla mano, risulta fortemente penalizzato dai ritardi ed dai risultati negativi delle prime dieci giornate”.

NESSUN DISIMPEGNO Si precisa che le questioni amministrative della città non sono da associare alle vicissitudini della SSD Audace Cerignola. L'attuale proprietà ha acquisito l'Audace Cerignola, dalle ceneri del passato, nell'estate 2014 quando l'Avv. Franco Metta non ricopriva ancora il ruolo di sindaco del Comune di Cerignola. Una cavalcata incredibile che ci ha riportati dalla Prima Categoria al campionato nazionale di serie D in tempi record e grazie ai prestigiosi risultati ottenuti sul campi. In questi anni l'unica chiara volontà, considerato il progetto sportivo ambizioso, di forte inclusione sociale e di pubblico interesse, è stata, quindi, quella di fare, su tutti i fronti, le cose per bene. In Italia, come ben noto, solo cinque società detengono uno stadio di proprietà (accade solo per Juventus, Sassuolo, Udinese, Atalanta e Frosinone in serie A), peraltro, in netto contrasto rispetto al 19% di media registrato nel resto d'Europa. E' palese, quindi, come ogni società di calcio in Italia debba necessariamente rapportarsi con la Pubblica Amministrazione al fine di perseguire la propria mission sportiva e sociale, nell'interesse pubblico delle aspettative di una città che ha visto nel calcio una importante opportunità di riscatto (grazie anche ad una lunga serie di iniziative extra-calcio realizzate in questi anni da questa società). Per farlo, naturalmente, era auspicabile uno stadio a norma, che fosse adeguato, accogliente, moderno e così è stato fatto. E' questa l'unica verità”.

Teatro: ‘Banda 4.0’ sabato 8 febbraio al TaTÀ di Taranto
Eventi: Con Ego Festival, Taranto diventa capitale italiana dell’enogastronomia