Giovanili

Cryos: Tempini, Coronavirus? Non lasceremo mai soli i nostri ragazzi’

Il tecnico dei 2011 elogia lo smart working della sua società: ‘Un'iniziativa bellissima, per gli atleti ci siamo sempre’

Comunicato stampa
28.03.2020 15:43

L'Asd Giovani Cryos, come gran parte delle realtà sportive del globo, sta rispettando lo stop forzato imposto dall'emergenza legata al Covid - 19. Lontano dai campi ma vicinissimo con il cuore ai suoi atleti, il tecnico dei Primi Calci 2011 Salvatore Tempini commenta così questo delicato momento: "Questo periodo è davvero particolare: gli stati d'animo si contrastano continuamente, perché se da una parte si trascorrono momenti in cui si cerca il lato positivo della quarantena, trovandolo, come il dedicare più tempo per te stesso e per la famiglia, per aggiornamenti e gli studi, dall'altro si viene assaliti dai pensieri sulla difficoltà lavorativa, sul fatto che non puoi vedere i tuoi cari. Ogni pomeriggio, poi, puntualmente guardo l'orologio e mi mancano i miei ragazzi, il campo, la mia passione". "Fortunatamente abbiamo la tecnologia che ci permette di restare in contatto anche visivo - continua Tempini - e infatti con molti ragazzi riusciamo a vederci con videochiamate, a messaggiarci. Loro probabilmente sono quelli che più di tutti stanno soffrendo questa situazione e me lo fanno capire spesso: non vedono l'ora di tornare sui campi e mi chiedono sempre quando torneremo, io cerco di dare qualche stimolo a non giocare esclusivamente alla playstation, ma capisco che per molti di loro non deve essere facile". La Giovani Cryos è stata tra le primissime società ad aver avviato lo smart working per una scuola calcio: "I nostri responsabili hanno pensato bene di condividere con tutti i ragazzi dei brevi video formativi: un'iniziativa bellissima, esercizi di tecnica che si possono svolgere anche dentro casa, senza fare danni, e che danno stimoli ai ragazzi, perché possono filmarsi e mandarci i loro video. Un'idea che nasce dalla volontà di non lasciarli soli, devono sapere che per loro noi ci siamo sempre". Il covid - 19 è un duro avversario, ma si può sconfiggere: "Di solito dico ai ragazzi che non mi interessa vincere a tutti i costi una partita, ma questa contro il coronavirus la vinceremo sicuramente e ci riusciremo soltanto facendo quello che ci dicono e cioè di restare in casa. Tornerà presto il tempo per divertirci insieme e lo faremo con tanto gusto in più. Un abbraccio virtuale a tutti e forza Cryos".

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Coronavirus: Forza Nuova, ‘Ecco perché mancano i posti letto’