Regionale 8: ‘Fondi distratti per altri obiettivi, ma Taranto non ne era informata’

È il commento di Leonardo Giangrande, presidente provinciale di Confcommercio Taranto

Leonardo Giangrande
CRONACA
29.03.2021 15:19

“Amarezza, mortificazione, rabbia. Taranto non può subire e tacere dinnanzi al comportamento della Regione nei confronti di un territorio provinciale e di una comunità che merita attenzione quanto e anche più delle altre provincie pugliesi per il sacrificio in termini di vite umane e oltraggio all’ambiente che per decenni ha dovuto pagare in nome del bene comune. L’aver scoperto che ancora una volta sono state sottratte alla comunità jonica risorse destinate allo sviluppo economico e sociale del territorio, mette in discussione il patto di fiducia che dovrebbe ispirare il rapporto tra cittadini e istituzioni”. Commenta così Leonardo Giangrande, presidente provinciale di Confcommercio Taranto, la notizia del definanziamento della Regionale 8, infrastruttura di collegamento viario tra Taranto e Avetrana, programmata circa un quarantennio fa e mai completata per vicende amministrative e intoppi burocratici vari. La notizia della distrazione dei fondi, 70 milioni e 600mila euro, verso altri obiettivi legati alla pandemia, di cui si era già informalmente a conoscenza, è stata confermata la scorsa settimana al tavolo di audizione della V Commissione consiliare Ambiente solo perché le parti sociali e i sindaci dei territori interessati alla realizzazione della infrastruttura, in stato di allerta da tempo, hanno chiesto un incontro con l’assessora regionale ai Trasporti, Anna Maurodinoia. E solo in tale occasione la Regione, in silenzio per tanti mesi malgrado gli appelli e i vari articoli e servizi su quotidiani e tv, ha confermato la notizia. Date le premesse, sebbene il dichiarato impegno dell’assessora Maurodinoia a reperire i fondi per rifinanziare l’infrastruttura, resta fondato il timore che la realizzazione dell’opera possa andare incontro a nuovi intoppi, anche perché la Provincia, stazione appaltante dell’opera, dal suo canto deve procedere (entro metà aprile, come assicurato dal presidente Gugliotti) alla definizione di alcuni passaggi progettuali, che si auspica siano coerenti con le richieste della Commissione regionale di Valutazione Impatto Ambientale. In linea di principio, auspicando che questa sia finalmente la volta buona per la realizzazione dell’opera, resta la profonda amarezza: per il ‘metodo’ (si spostano risorse importanti senza informare le istituzioni locali); per il ‘rispetto’ che si deve ai territori (Taranto non era stata avvertita); per la ‘leggerezza’ (si sottraggono a un territorio risorse vitali per lo sviluppo e la crescita). (Comunicato stampa)

Commenti

Taranto: Anziano non rientra a casa, rintracciato dalla Polizia
Taranto inedita e suggestiva, Taranto ‘Terra dei fiumi’