CRONACA

[Video] Il Questore di Taranto presenta il piano ‘Comunità Sicure’

Tolleranza "zero" per la microcriminalità e maggiore presenza in Provincia

29.06.2019 13:01

Presentato il progetto “Comunità sicure”. Conferenza stampa del Questore Giuseppe Bellassai il quale ha illustrato un progetto che intende dare alla gente una maggiore percezione di sicurezza. Tutto ciò si rende necessario alla luce dei risultati di uno studio che vede la scarsa percezione di sicurezza dei cittadini, nonostantei reati sianoin netto calo: “Nell’ultimo anno, ha affermato il Questore, tutta la provincia di Taranto, c’è stato un calo dei reati pari al 15,6%. Manduria, Martina e Grottaglie negli ultimi 3 anni dimezzati i reati. A Castellaneta c’è una netta diminuzione dei delitti, cone anche a Massafra. Il contrasto alla criminalità, stando ai numeri, appare efficace. È sotto gli occhi di tutti però un crescente senso d’insicurezza da parte dei cittadini, tutto ciò non collima con i dati reali. Tra i motivi, secondo il Questore, si deve migliorare il rapporto tra forze dell’ordine e cittadini. Necessario dunque rafforzare il sentimento di fiducia nelle istituzioni. La Poliza di Stato si deve muovere su tutto il territorio provinciale promuovendo e rafforzando la propria attività sul territorio. Il progetto dunque ha l’obiettivo di migliorare la presenza della Polizia di Stato, creando delle sinergie maggiori, proprio per questo motivo sto visitando tutti i comuni della provincia per comprendere meglio le esigenze di ogni singola comunità. Il progetto comunità più sicure prevede una nostra maggiore presenza fisica. Periodicamente convergeremo con uomini e mezzi in un singolo comune a rotazione. Durante questi interventi tutti i reparti effetueranno controlli a tappeto, ognuno per le sue competenze. Non sarà un’attività occasionale, ha aggiunto il Questore, ma si ripeterà nel tempo. Ogni settimana verra individuato il comune nel quale si andrà ad operare”. Alla conferenza stampa hanno preso parte di dirigenti dei tre commissariati staccati, ovvero Manduria, Martina, Franca e Grottaglie.

TERRITORIO PROVINCIALE SUDDIVISO IN 4 MACRO AREE
Una suddivisione del territorio provinciale appare utile per differenziare le varie esigenze del territorio.
ANCHE TARANTO È STATA SUDDIVISA IN 4 MACRO AREE

POTENZIATO IL COMMISSARIATO DEL BORGO.
“Tra gli obiettivi a breve scadenza – ha aggiunto il Questore Bellassai – intendiamo rafforzare la nostra presenza nel centro storico”. Da una costola del progetto “Comunità più sicure” è stato studiato un piano che interessa più nel particolare il capoluogo ionico. Taranto città rispetto alla provincia ha delle diverse peculiarità. Anche per il capoluogo si registra un calo evidente dei reati, mille in meno a distanza di un anno.
“Questo ci dice – ha aggiunto ul Questore Bellassai – che anche l’attività svolta a Taranto ha dato risultati postivi”
ELEVATA MICROCRIMINALITA’. Tanti parcheggiatori abusivi, vendirori ambulanti non autorizzati, piccoli spacciatori, somministrazione di cibi e bevande senza il rispetto delle norme igieniche, vensita di alcoolici ai minorenni, questi i reati più diffusi. In città c’è una criminalità diffusa che si concentra nella zona della città vecchia e del Borgo, che poi sono le zone più frequentate dai turisti e dagli stessi tarantini.

 

Taranto: Martedì 2 luglio è il giorno di Nicola Ragno
Taranto: Mercato, si raffredda la pista che porta a Patierno