Promozione

Punto sulle tarantine: Lippolis, 'Dispiace per Frascella e Palmieri'

Alessio Petralla
17.04.2019 15:13

Tante delusioni nel finale di campionato per le tarantine di Eccellenza e Promozione a differenza di quelle di Prima Categoria che stanno lottando per la promozione. A ripercorrere il cammino delle varie formazioni ioniche, a Blunote, è l’ex tecnico di Castellaneta e Manduria, Walter Lippolis: “In Eccellenza, per quanto riguarda il vertice, sono state rispettate le previsioni: il Casarano e il Brindisi hanno confermato di essere formazioni attrezzate e con un gran blasone con i primi che hanno ottenuto la promozione e i secondi che sono arrivati direttamente alla fase nazionale dei play off. Mi dispiace molto per l’Avetrana che è una formazione tarantina e che ha sempre onorato la categoria. Spero che i giovani biancorossi siano riusciti a mettersi in evidenza”.

PROMOZIONE/A: “Mi dispiace anche per il Martina che è una nobile decaduta e che non è riuscita a conquistare la promozione in Eccellenza. Non conosco bene la realtà attuale ma per rosa e blasone è un peccato che non siano riusciti ad andare fino in fondo. Adesso, spero che riescano a vincere la finale play off. Il Ginosa ha cambiato allenatore in corso nonostante non navigasse in brutte acque. Forse ambivano ai play off”.

PROMOZIONE/B: “Conosco sia Frascella che Palmieri che sono due allenatori che in queste società stanno da tanti anni e che sono preparati. La retrocessione del Lizzano è strana e mi dispiace tantissimo. Per quanto riguarda il Talsano sembrava che potesse conquistare un’altra salvezza questa volta tranquilla. Molta sfortuna ha fatto da padrone. Se dovesse rimanere Frascella le ambizioni per fare un campionato di vertice in Prima Categoria ci sarebbero tutte. Spero siano solo di passaggio in questa categoria”.

PRIMA CATEGORIA/B: “Castellaneta e Grottaglie non mi sorprendono: hanno investito bene costruendo due rose lunghe utili a sostenere tutto il campionato. E’ questo che ha fatto la differenza rispetto alle altre. Conosco tanti calciatori delle due squadre e sono convinto che il campionato si deciderà allo spareggio. Il Castellaneta più fresco vista l’età media mentre il Grottaglie ha calciatori più esperti come De Tommaso e Galeandro. La vittoria finale sarà dettata da episodi. Non si può dare una preferita o una favorita”.

PRIMA CATEGORIA/C: “Il Manduria lo ritrovo dove l’ho lasciato. Eravamo a meno cinque dalla capolista con una gara, con il Sanarica, da recuperare. Mi dispiace per come siano andate le cose: ci tenevo tantissimo a finire il campionato e riportare questa squadra in Promozione. A volte, però, è importante fare un passo indietro per il bene della squadra. Le potenzialità c’erano. Spero possa fare risultato a Veglie in modo da sigillare il secondo posto e giocare i play off in casa. Faccio il tifo per loro. Al Matino basta un punto in casa per trionfare. I biancoverdi domenica si giocano il campionato”.

Si ringraziano:

Grottaglie: Appeso, 'Pensiamo prima al Massafra'
Il commento: Lnd, una Lega che non conta nulla...