Cultura, musica e spettacolo

Eventi: L’Associazione Salam organizza ‘La tenda di Abramo’

Iniziativa interreligiosa e interculturale giunta alla terza edizione

Comunicato stampa
15.05.2018 14:05

Alla sua terza edizione, ritorna la “Tenda di Abramo”, iniziativa interreligiosa e interculturale che l’Associazione Salam organizza in occasione del Ramadan, il mese sacro per i musulmani. 

In collaborazione con l’Associazione PaoloZayd Costruttori di Pace, il Centro Interculturale Nelson Mandela, la Cooperativa Cometa, la Cooperativa Al Fallah e la Cooperativa Inshallah, quest’anno “La Tenda di Abramo” sarà allestita nel quartiere Tamburi di Taranto, presso “Casa Enea”, in Via della Croce 90. 

Nella Tenda - luogo simbolo rappresentante le tre religioni abramitiche quali l’Ebraismo, il Cristianesimo e l’Islam - i musulmani al tramonto accoglieranno tutti coloro per un incontro di conoscenza, preghiera, di condivisione e di ricerca spirituale. 

Dal 18 maggio, ogni venerdì La Tenda di Abramo ospiterà un incontro al tramonto intorno alle 20, quando i musulmani potranno interrompere il momento del digiuno. 

Per il primo incontro che sarà dedicato al dialogo con i cristiani, sarà organizzato un momento conviviale con cucina siriana. 

Nel secondo appuntamento, venerdì 25 maggio, i musulmani ospiti delle strutture gestite dall’Associazione Salam nonchè i lavoratori musulmani degli enti organizzatori, accoglieranno i fedeli ebrei con cui condivideranno una cena bengalese. 

Il terzo incontro,  venerdì 1 giugno, sarà invece dedicato al dialogo con gli evangelisti, a seguire cena africana; 

E anche nell’ultimo venerdì del mese Santo, otto giugno, non potrà mancare il cibo che verrà offerto all’altro come vera ospitalità che nel pensiero islamico si configura come un dono offerto alla divinità: cristiani, musulmani ed ebrei condivideranno insieme i cibi della cucina irachena. 

Gli incontri sono gratuiti e aperti a tutti. 

 

Commenti

Serie D/H: Giudice, ammende per Taranto e Team Altamura
Ilva: ‘Riprenda il confronto, ma nel rispetto dei diritti dei lavoratori’