Cultura, musica e spettacolo

Mysterium Festival 2019: ‘Arteriae, l’arte della ramificazione’

Sabato 13 aprile, alle 17.00, presentazione al Castello Aragonese di Taranto

Comunicato stampa
11.04.2019 22:10

Piero Romano, direttore dellOrchestra della Magna Grecia

Sabato 13 aprile alle 17.00 nel Castello Aragonese di Taranto, conferenza stampa di presentazione di “Arteriae: l’arte della ramificazione”, uno fra i maggiori eventi all’interno del “Mysterium Festival 2019”. All’incontro, al termine del quale sarà ufficialmente aperto al pubblico l’itinerario multimediale, parteciperanno il maestro Piero Romano, direttore dell’Orchestra della Magna Grecia e ideatore dell’evento; il maestro Fabrizio Festa, cui si devono progetto e installazione; Donato Fusillo, presidente del Comitato scientifico del “Mysterium Festival”; il cantante e voce degli Avion Travel, Peppe Servillo (in serata impegnato al teatro Fusco nello spettacolo “Amore non amore”, anche questo all’interno del “Mysterium Festival 2019”).

“Aarteriae: l’arte della ramificazione” è un affascinante percorso curato dal maestro Fabrizio Festa in collaborazione con “MaterElettrica”, Scuola di Musica Elettronica e Applicata del Conservatorio “R. Duni” di Matera. Il collettivo, già impegnato in altre occasioni ad eventi di questo genere, si dedica da tempo a ricerca in ambito elettroacustico, performance e design (Music e Sound Design) nei diversi settori legati alla produzione artistica e all’applicativo sonoro industriale. Ogni giorno, da sabato 13 a sabato 20 aprile, dalle 16.30 alle 20.30, il pubblico potrà visitare l’itinerario multimediale nella suggestiva cornice del Castello Aragonese di Taranto. 

In allegato, informazioni su “Arteriae: l’arte della ramificazione” (sabato 13/sabato 20 aprile, Castello Aragonese).

Info: Orchestra della Magna Grecia, in via Tirrenia n.4 (099.7304422), in via Giovinazzi n.28 (cell. 392.9199935)

www.orchestramagnagrecia.it

Mysteriumfestival.ta@gmail.com

 

Serie D: Pallone d’Oro 2019, D’Agostino tra i 20 finalisti
Ex Ilva: Genitori Tarantini scrivono a massime cariche dello Stato