TARANTO

Il Taranto di Giove e Panarelli a un passo da nuovi record

Nonostante numeri pazzeschi, i rossoblu non sono riusciti a vincere il campionato trovandosi (attualmente) addirittura al terzo posto

02.05.2019 01:14

Gigi Panarelli

Una stagione strana. Nonostante questo Taranto abbia già stabilito diversi record non è riuscito a vincere il campionato trovandosi addirittura al terzo posto in classifica. E non è finita qui perché domenica pomeriggio, in quel di Sorrento, potrebbe stabilirne nuovi di record: in caso di vittoria, la squadra allenata da Gigi Panarelli potrebbe entrare nella storia del calcio rossoblu. Interessante conoscere le statistiche di fine campionato confrontandole con quelle del passato. Per esempio, i punti fin qui conquistati sono gli stessi di 24 anni fa, quando il Taranto riuscì a vincere l’unico campionato di Serie D. In panchina c’era Ivo Iaconi, in squadra militava un giovanissimo Panarelli appena diciottenne. A un turno dal termine, il Taranto targato 2018-19 ha 71 punti (miglior punteggio degli ultimi 19 anni): nel 1994-95 furono sufficienti per tornare tra i professionisti. Con 21 successi, il Taranto di Panarelli è a una vittoria dal record stabilito nel campionato 1999-2000 (22).

Con 64 reti, l’attuale attacco è il migliore in Serie D, il quarto di sempre: solo “i” Taranto delle stagioni 28-29 (75), 51-52 (74), 47-48 (65) e 29-30 (64) hanno fatto meglio. Pertanto, segnando almeno due reti allo stadio “Italia” domenica prossima, diventerebbe addirittura il secondo di sempre! In trasferta, il Taranto ha totalizzato 29 punti in 16 partite, ne manca solo 1 per eguagliare il record di 30 fissato nel 1999-2000 (D) e 2011-12 (C). Quindi, superabile vincendo a Sorrento o in caso di vittoria a tavolino con il Picerno (la sentenza sul ricorso in appello è attesa tra giovedì 2 maggio e venerdì 3).

Di Gianni Sebastio (Si ringrazia per le statistiche Tonino Palese).

 

Eventi: Questione ambientale, il 4 maggio corteo nazionale
Giovani Rossoblu al torneo ‘Taranto città dei due mari’