TARANTO

D/H: Pastore, 'Se il Picerno cade giochi riaperti a favore del Taranto'

Alessio Petralla
02.04.2019 19:27

Ad analizzare il girone H della serie D, a Blunote, è l’ex difensore del Taranto Ivano Pastore: “La parte alta è racchiusa in tre squadre anche se il distacco del Picerno, su Taranto e Cerignola, è importante. Sicuramente, tutte e tre ragioneranno gara dopo gara pur sapendo che un passo falso, in un match presumibilmente abbordabile, può compromettere il tutto. Perdendo un gara il Picerno può far si che i giochi si riaprano a favore del Taranto che ha un calendario più abbordabile rispetto al Cerignola”.

ZONA PLAY OFF: “Ci sono società forti ma sorprendenti come il Bitonto e il Savoia che è una neopromossa che si stanno giocando l’accesso nei play off. Poi c’è una nobile decaduta come la Fidelis Andria che è stata costruita in ritardo: raggiungere gli spareggi sarebbe il minimo. E’ un traguardo importante: sono una lotteria sempre difficile e indecifrabile”.

ZONA BASSA: “Giù è la parte peggiore da esaminare con due formazioni, Pomigliano e Granata, già praticamente retrocesse. Le altre hanno incontri importanti con squadre di alta classifica più qualche incastro. In queste ultime cinque giornate è la zona della classifica più difficile da analizzare. Non si escludono sorprese con squadre che inaspettatamente, all’ultimo, potrebbero trovarsi risucchiate nei play out”.

LE SORPRESE: “La sorpresa in positivo è il Picerno che, forse, negli anni ha programmato. Hanno un buon gioco e sono una squadra pragmatica guidata da un tecnico bravo qual è Giacomarro che punta sulla forza di gruppo. L’entusiasmo è la loro arma in più. Se dovessero salire in serie C non si può far altro che stringergli la mano. In negativo non amo dare giudizi perché se un campionato va storto ci sono tante componenti interne ed esterne come un cambio d’allenatore, una mancanza di risorse o uno smantellamento. Visti gli ultimi anni più che positivi forse il Francavilla in Sinni poteva fare qualcosa in più. Non è, assolutamente, una bocciatura”.

IL TARANTO: “Nella parte iniziale della stagione ha concesso troppi punti al Picerno. E’ stato un campionato vissuto tra alti e bassi con qualche pareggio di troppo con avversari più che alla portata. Poi, davanti non rallentano e le cose si sono complicate. Comunque, i rossoblù stanno disputando un gran campionato. Taranto merita almeno una serie C a vincere: è sempre stato il mio pensiero”.

Si ringraziano:

Sibilia a Ghirelli: 'Ripescaggi aperti anche ai club di Serie D'
Taranto: Problemi per Esposito, a parte Di Bari e Di Senso