ALTRI SPORT

Ippica: Poker di Gran Premi all’ippodromo Paolo VI

Comunicato stampa
22.06.2018 17:34

In questi giorni il M.I.P.A.A.F. ha diramato il calendario dei Gran Premi fino alla fine di quest’anno. L’ippodromo Paolo VI, dopo la classificazione degli ippodromi che lo vede nella categoria “Istituzionale”, per decreto ministeriale ha la possibilità di ospitare ben quattro Gran Premi.

Si inizierà domenica 29 luglio con il classico e storico appuntamento estivo, il Gran Premio Due Mari – Trofeo Donato Carelli, lo scorso anno promosso a gruppo 1 con una dotazione di €. 110.000, riservato a cavalli anziani.

Si proseguirà la settimana successiva, ovvero domenica 5 agosto, con il Gran Premio Regione Puglia, una prova di gruppo 3 con montepremi di €. 33.000, riservata a cavalli di tre anni. Questa neo prova è una delle tante corse valevoli come qualificazione alla finale del Derby in programma a Napoli a settembre con una dotazione di un milione di euro. La società ha deciso di intitolare questa corsa alla regione Pug lia in segno di rispetto e gratitudine nei confronti della regione e del suo Governatore Michele Emiliano, da sempre vicino ai problemi dell’ippica pugliese, in particolare all’ippodromo Paolo VI di Taranto.

Il terzo Big Event ci sarà sabato 15 settembre con un’altra corsa  con dotazione complessiva di €. 33.000, che fa parte di un circuito di qualificazione relativo alla finale del campionato dei 4 anni che lo scorso anno ha avuto come sede proprio l’ippodromo Paolo VI. Questa corsa si chiama Gran Premio del Bacco, il cui nome è stato scelto da Milva ed Anita Carelli perché avviene contestualmente al periodo della vendemmia. Infatti in occasione di questa giornata saranno diversi gli eventi collaterali per il pubblico presente all’ippodromo. E saranno certamente protagoniste le migliori cantine del territorio pugliesi, che organizzeranno una degustazione dei loro prodotti.

Infine questo poker di eventi si concluderà sabato 20 ottobre con il Gran Premio Paolo VI, anch’esso valevole come prova di qualificazione per la finale del campionato Master, che si terrà in 26 dicembre in un ippodromo ancora da definire. Ed anche in questa circostanza la società che gestisce l’impianto jonico ha presentato la sua candidatura per poter ospitare questa gran corsa che rientra nelle grandi prove di livello europeo. La scelta del nome deriva dal fatto che ad ottobre avverrà la canonizzazione del Beato Papa Paolo VI, dal quale scaturisce il nome del quartiere che ospita l’ippodromo e dell’ippodromo stesso. Papa Paolo VI che quando era in vita si è sempre speso per tutto quello che riguarda il nostro territorio.

Commenti

Serie D: Mercato, alla Turris un ex difensore del Taranto
Serie B: Crisi Cesena, il presidente ha pensato anche al suicidio