Cultura, musica e spettacolo

Confcommercio: ‘Acquario a Taranto? Valutiamo la proposta’

Comunicato stampa
06.02.2019 00:03

Un acquario a Taranto? Il popolo dei ‘No’ si è già espresso. Tuttavia un migliaio scarso di mail – inoltrate all’indirizzo del  consigliere regionale, Gianni Liviano - per esprimere contrarietà al progetto non rappresentano il mondo. Rinunciare aprioristicamente a un incontro di approfondimento potrebbe essere sbagliato. L’altra parte dell’opinione pubblica non si è espressa, e ne ha avuto modo di poter acquisire elementi di conoscenza per valutare con serenità il contenuto della proposta, che peraltro non era definita, come ha chiarito lo stesso Liviano. Probabilmente l’incontro di giovedì 7 febbraio con il project manager della Costa Edutainment (la società che gestisce alcuni acquari italiani, tra cui Genova ) non si terrà ne in quella data e ne in altre. Come è già accaduto nel passato, si faranno avanti altre città meridionali: Messina, dove il progetto Acquario sullo Stretto è sponsorizzato dall’Ordine degli architetti che pensano ad un abbinamento con il Museo del mare per il rilancio economico e turistico della città, proprio come a Genova, ma vi sarebbero anche delle candidature   pugliesi, si parla di Bari, Gallipoli, Molfetta. Si noti che la società che gestisce l’acquario ligure è collegata  al gruppo Costa, un brand leader nel turismo crocieristico. La domanda: Taranto è nelle condizioni di poter voltare le spalle a un contatto di questo livello? Non sarebbe opportuno invece incontrare, comprendere,  approfondire, valutare i pro e contro, semmai con il supporto scientifico del  CNR e quei soggetti che hanno competenze naturalistiche, prima di esprimere un secco ‘NO’? Vi sono tanti modi per realizzare un acquario e per dargli una  impostazione seria e naturalisticamente corretta che possa addirittura essere fondamentale per lo studio delle specie animali e per la conoscenza tra i giovani della vita sottomarina. Non dimentichiamo che il grande Folco Quilici, lo scrittore e  documentarista italiano più famoso nel mondo, era tra gli ospiti relatori nel 2013 dell’inaugurazione dell’area Cetacei dell’Acquario di Genova, e che altri grandi fotografi naturalisti  come Alessandro Bee  e lo stesso Quilici non hanno disdegnato negli anni di partecipare a conferenze, mostre. Inoltre il  film Le Meraviglie del Mare di J. Michel Costeau del 2017, tra gli enti patrocinatori annoverava l’Acquario di Genova. Il fatto che Taranto sia la nursery dei delfini dovrebbe essere una ragione in più per aprirsi all’idea di un grande attrattore  naturalistico che completi l’offerta turistico-culturale legata al mare.

Eventi: BTM 2019, una buona idea per ‘fare turismo’
Futsal C1/M: Azzurri Conversano, sabato derby per la prima squadra