Serie D

Nola: Liquidato, ‘Questo Taranto ha pochi punti deboli’

Il tecnico: ‘Vivo un’esperienza nuova, è la prima volta che vengo richiamato’

02.02.2019 19:18

“Questo Taranto è come una orchestra ben collaudata, diretta da un ottimo direttore come Panarelli. A Bitonto ho visto una squadra pratica, che ha ottenuto ciò che voleva: la sesta vittoria consecutiva e il primato in classifica. Affronteremo un avversario con pochi punti deboli e che dopo aver ritrovato la vetta vorrà mantenerlo fino al termine”. Da Taranto al Taranto: tre mesi dopo l’esonero, arrivato all’indomani della sconfitta (3-0) dello “Iacovone”, Stefano Liquidato torna a sedersi sulla panchina del Nola per vivere un’esperienza tutta nuova, come confessa a giornalerossoblu.com: “È la prima volta che mi capita di essere richiamato - spiega -. Ho ritrovato una squadra in forma fisicamente e stabile emotivamente. Quando sono andato la rosa era composta da 30 elementi, ora ne ha 18. In questo senso, la società ha fatto una scelta giusta e ponderata. Conosco tutti i calciatori che erano con me dalla prima giornata, motivo per cui il club ha pensato di affidarmi nuovamente la panchina”. Dop aver affrontato il Taranto, il Nola se la vedrà con Picerno e Cerignola rappresentando un po' l'ago della bilancia nella corsa al primato:  “A esser sincero, al Picerno non davo tanto credito, invece è una squadra che gioca molto bene al calcio con ottimi giocatori. Il Taranto è una corazzata strutturata per vincere, con over importanti e under di qualità. Anche il Cerignola ha investito tanto. Nella lotta per la Serie C entrano in ballo tanti fattori, come quello ambientale: pubblico di Taranto è straordinario e può fare la differenza”.

Talsano: Juniores, bella vittoria esterna con il Mesagne
Real Sava: Giovanissimi Provinciali, altra grande vittoria dei savesi